Cancro: al Pascale di Napoli il 35% dei pazienti viene dalla Terra dei fuochi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Istituto dei tumori di Napoli “Pascale”, centro di ricerca e cura oncologica, ha presentato un’analisi che riguarda i dati sulla mortalità relativi ai pazienti colpiti da cancro ai polmoni e curati presso la struttura tra il 2005 e il 2012.

I dati che emergono sono interessanti e fanno riflettere: su un totale di 498 pazienti, il 35% di essi, ovvero circa un terzo, arriva dalla Terra dei fuochi. Gaetano Rocco, dirigente del reparto di chirurgia toracica, ci tiene però a precisare che i dati resi noti “non hanno una rilevanza epidemiologica per cui ci possano portare a trarre conclusioni. Devono essere analizzati in altre sedi, noi facciamo attività clinica e pertanto ci confrontiamo anche con pazienti che arrivano da quei territori“.

Quello che importa davvero, a detta dei medici, è riuscire ad arrivare ad una mappa genetica su cui si sta lavorando sia a livello nazionale che internazionale. Il tumore ai polmoni, infatti, può originarsi da stili di vita sbagliati (fumo in primis) ma anche da predisposizioni genetiche “Il 22% dei pazienti curati non era fumatore – sottolinea Rocco – a riprova del fatto che esistono fattori genetici che incidono“.

Solo una volta arrivati ad ottenere mappa genetica “si potrà avere la certezza di quello che potrà accadere in futuro sia rispetto al cancro che rispetto a malattie croniche”. Purtroppo, precisa il medico, ci vorranno ancora anni.

Dall’analisi effettuata emerge però anche una buona notizia: le possibilità di sopravvivenza dei pazienti con tumore ai polmoni che vivono nella Terra dei fuochi (ma anche nel resto della Campania) curati presso l’Istituto ‘Pascale’ di Napoli è in crescita. Importante anche per questo tipo di tumore è una diagnosi precoce.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Aumento incidenza dei tumori nei siti italiani a rischio (l’elenco)

Terra dei Fuochi: rotte, dati e numeri del traffico dei rifiuti da Nord a Sud

Terra dei fuochi: presto una mappa dei siti inquinati

Lo smog provoca il cancro al polmone e infarti: arriva la conferma

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook