Antibioticoresistenza: non si riesce più a curare le infezioni, allarme dall’Oms

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Oms lancia un nuovo allarme. In 22 paesi è stata riscontrata resistenza agli antibiotici in 500.000 persone colpite da infezioni batteriche. In altre parole, su mezzo milione di persone gli antibiotici utilizzati non hanno sortito l’effetto sperato.

Sulla base del sistema di sorveglianza Glass (Global Antimicrobial Surveillance System) lanciato a ottobre 2015 per monitorare la diffusione dei super batteri, i nuovi dati hanno rivelato alti livelli di resistenza ad una serie di gravi infezioni sia nei i paesi ad alto reddito che in quelli più poveri.

Il sistema di sorveglianza globale rivela dunque una diffusa insorgenza di resistenza agli antibiotici. I batteri più resistenti sono stati Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Staphylococcus aureus, e Streptococcus pneumoniae, seguito da Salmonella spp. Il sistema non include dati sulla resistenza di Mycobacterium tuberculosis, che provoca la tubercolosi (TB).

La resistenza alla penicillina – il principio attivo usato per decenni per trattare la polmonite – variava da zero al 51% tra i paesi e tra l’8% e l’65% l’efficacia di antibiotici come la ciprofloxacina per combattere l’E. coli nelle infezioni urinarie.

Ad oggi, 52 paesi (25 ad alto reddito, 20 a medio reddito e 7 paesi a basso reddito) sono iscritti nel sistema globale Antimicrobial Surveillance dell’OMS.

I dati presentati in questo primo report di GLASS variano da stato a stato. Alcuni paesi stanno cercando di affrontare il problema attraverso sistemi di sorveglianza nazionali.

Ad esempio, il Kenya ha potenziato lo sviluppo del suo sistema nazionale di resistenza antimicrobica, La Tunisia inizia ad aggregare i dati sulla resistenza antimicrobica, la Repubblica di Corea sta rivedendo la metodologia GLASS, fornendo dati di altissima qualità e completezza e paesi come l’Afghanistan e la Cambogia stanno rafforzando le loro capacità di sorveglianza.

E in Italia?

Nel nostro paese, tra le specie batteriche più diffuse troviamo la Klebsiella pneumoniae che è resistente a quasi tutti gli antibiotici disponibili. La percentuale di resistenza è pari al 34%, una delle più elevate d’Europa.

Secondo l’Agenzia italiana del farmaco, l’Italia è il paese dell’Unione Europea con il più elevato consumo di antibiotici in formulazione iniettabile (0,7 DDD/ 1000 ab die), pari a quasi il 3% del consumo totale di antibiotici. Inoltre, nel nostro paese è stato riscontrato un utilizzo elevato di specifiche classi di antibiotici, come cefalosporine e chinoloni, molto meno utilizzate in altri paesi, in quanto il loro uso è limitato al trattamento di infezioni gravi o resistenti ad altre classi di antibiotici.

LEGGI anche:

“Il rapporto conferma la grave situazione di resistenza agli antibiotici in tutto il mondo“, afferma il dott. Marc Sprenger, direttore del Segretariato della resistenza antimicrobica dell’OMS. “Alcune delle infezioni più comuni del mondo – e potenzialmente più pericolose – si stanno dimostrando resistenti ai farmaci. A preoccupare sono soprattutto gli agenti patogeni che non rispettano i confini nazionali. Ecco perché l’OMS sta incoraggiando tutti i paesi a istituire buoni sistemi di sorveglianza in grado di fornire dati su questo sistema globale”.

Francesca Mancuso

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook