Schiave del peso: la triste storia delle spose bambine costrette a ingrassare per trovare marito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La mancanza di rispetto e l’annullamento di ogni diritto passano anche dal non poter scegliere se mangiare o no. In Mauritania, le ragazzine sono obbligate a ingrassare per trovare marito, perché qui ‘grasso è sinonimo di ricchezza’.

Una ragazza troppo magra è addirittura motivo di disonore per la propria famiglia d’origine così chi ha un fisico asciutto viene costretta alla pratica del leblouh, che senza tanti giri di parole ricorda l’ingrasso a cui sono sottoposti gli animali negli allevamenti intensivi.

Le bambine e le ragazzine vengono sottoposte a una pratica assurda, perché qui siamo ben lontani da una dieta ricostituente fatta per motivi di salute. Rinchiuse in strutture speciali sono costrette a ingozzarsi dalla mattina alla sera. Succede soprattutto nei piccoli villaggi rurali dove le bambine devono mangiare fino alla nausea per diventare grasse e trovare facilmente un marito.

Si passano così le ore a ingozzarsi di cous cous, latte di capra o di mucca e altri cibi ipercalorici. Le bambine sono controllate a vista per evitare che vomitino: una donna sta con loro tutto il giorno ed è pronta a bastonarle al minimo cenno di sfinimento.

lebouh mauritania2

Foto

Future spose bambine e future donne con gravi problemi di salute: disagio psicologico, diabete, disturbi cardiaci e ipertensione. Il tutto per piacere agli uomini. Donne costrette a cambiare, ad annullarsi senza possibilità di ribellione.

Una pratica che ha origini antichissime, ma che fortunatamente in molte zone della Mauritania non si usa più, ma in tante altre si. Oltre al cibo vengono utilizzati dei farmaci veterinari che aumentano la massa corporea e hanno effetti collaterali devastanti.

Perché le donne devono essere grasse? Perché in Mauritania, magro è sinonimo di miseria.

Come racconta Peace Reporter, ad Atar un piccolo centro vicino al Sahara, ci sono dei veri e propri “allevamenti di ragazze grasse”,veri e proprio istituti di pena dove le bambine scontano la colpa di essere magre o di non essere obese.

lebouh mauritania1

Foto

“Tre mesi d’inferno, tanto dura la “cura”, di violenze fisiche e psicologiche per le piccole che si rifiutano di mangiare o si permettono di vomitare. Le anziane custodi portano le ragazzine a pesare tra i 60 e i 100 chili nel giro di pochi mesi e incassando per ognuna di loro poco meno di 150 euro, che le famiglie pagano volentieri per far sposare presto, e bene, le loro figlie”.

E quando escono da li, sono bambine diverse e per loro inizia una vita di moglie e madre.

Addio a scuola, amici e sogni.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook