Storica sentenza in Italia: è ‘obbligatorio’ per i ragazzi trovare lavoro dopo gli studi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Italia, stando alle statistiche, il 64,3% dei giovani tra i 18 e i 34 anni vive in famiglia, una percentuale molto elevata se messa a confronto con la media europea.

Ma una sentenza della Corte Suprema ha evidenziato la necessità di un cambiamento radicale di mentalità sottolineando che i ragazzi, una volta conclusi gli studi, devono trovarsi un lavoro e non farsi mantenere a tempo indeterminato dai genitori.

E se il lavoro non è in linea con le proprie inclinazioni? Poco importa, bisogna imparare ad adattarsi evitando capricci incompatibili con il mutevole mercato del lavoro. Perché i ragazzi devono imparare a essere indipendenti a dispetto di contratti precari, bassi salari e mutui impossibili.

La sentenza in questione ha respinto il ricorso di una madre che voleva costringere l’ex marito a versare l’indennità a favore del figlio, un insegnante di musica precario di 30 anni. E ha anche revocato la concessione della casa, stabilendo l’obbligo del figlio di fare tutto il possibile per trovare un lavoro in grado di garantirgli autonomia. Perché secondo i giudici l’assegno di mantenimento previsto per i figli di separati “ha una funzione educativa, non è un’assicurazione”.

Sicuramente un cambio di mentalità è indispensabile ma non si può negare, d’altro canto, che molti “giovani adulti” continuano a vivere in famiglia perché mantenersi da soli quando di mezzo ci sono affitti salati, magari si è pure separati con figli, e non si ha la possibilità di unire le forze e dividere le spese in coppia, non è affatto facile tra contratti precari e stipendi vergognosi, a cui bisogna spesso rassegnarsi per mancanza di alternative. Il fatto di non voler scendere sotto una certa soglia, per esempio, non significa essere viziati ma far valere i propri diritti!

Perché una cosa è fare gli schizzinosi per non rinunciare ai piccoli e grandi privilegi che comporta restare a casa di mamma e papà, un’altra è non avere scelta e doversi adattare a un sistema che pretende ma non garantisce a chi si impegna nemmeno il minimo indispensabile. Purtroppo esistono entrambe le realtà!

Ti potrebbe interessare anche:

I genitori iperprotettivi creano terribili conseguenze per i figli

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook