L’Università di Bristol ricicla i Pluriball facendo scoppiare le bolle agli studenti stressati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per combattere i nervi e lo stress pre-esame l’Università di Bristol sta mettendo a disposizione degli studenti pacchetti di pluriball, i famosi fogli da imballaggio a bolle che almeno una volta nella vita tutti noi abbiamo scoppiato. Un modo per riutilizzare la plastica e abbassare i livelli di stress “a costo” zero.

Alzi la mano chi nella vita non abbia mai passato almeno 5 minuti del suo tempo a scoppiare le famigerate bolle dei fogli da imballaggio. Un’attività decisamente anti-stress che, ora, addirittura una prestigiosa università ha deciso di utilizzare per ridurre i livelli di ansia dei propri studenti.

I “pacchetti antistress” vengono consegnati dall’Università di Bristol per aiutare ad alleviare il nervosismo da esame e vengono forniti con le seguenti istruzioni:

Per alleviare lo stress immediato, scoppiare tre capsule ogni 4-6 ore, o quando necessario.”

Ma come hanno reagito gli studenti a questa cosa? Ovviamente non sono mancate ironie e critiche, soprattutto riguardo al possibile impatto ambientale prodotto dalla bizzarra terapia “a bolle d’aria” tanto che l’Unione studentesca dell’Università ha dovuto rilasciare un comunicato in cui rassicurava sul riutilizzo dei fogli di pluriball e della plastica in questione proveniente dagli imballaggi dei nuovi mobili consegnati per rinnovare il soggiorno della Student Union:

“Siamo consapevoli che un certo numero di studenti ha sollevato preoccupazioni sull’impatto ambientale dell’involucro di bolle”, ha detto un portavoce di Bristol SU. “La sostenibilità è importante per noi ed è per questo che stiamo riutilizzando il film a bolle d’aria che originalmente era contenuto nella confezione in cui sono arrivati i vari mobili del soggiorno”.

via GIPHY

Accertata, dunque, la buona fede dal punto di vista dell’ambiente, è meno chiara l’efficacia della terapia per gli studenti, anche se stando a una recente ricerca le attività che riescono a “spegnere il cervello” – come ad esempio giocare a tetris – possono aiutare le persone ad essere più produttive.

LEGGI anche: Ansia? Stress? Giocate a tetris! Parola di scienziati

Quindi la prossima volta che vi troverete tra le mani questi fogli di bolle d’aria, non sentitevi troppo in colpa per far scoppiare qualche “capsula” per alleviare lo stress. Ovviamente, avendo cura di gettare i fogli nell’apposito bidone della plastica non appena vi sentirete un po’ meglio!

Sull’argomento potrebbe interessarti anche:

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook