Bonus 600 euro e voucher baby-sitter al via da oggi, ma il sito Inps non regge: oltre 300mila domande in poche ore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Primo giorno utile per le richieste di sussidio agli autonomi di 600 euro e il portale web dell’Inps è già down, ovvero inaccessibile o funziona a singhiozzo e solo con spid. Ieri sera, in un comunicato stampa, il presidente dell’Inps Pasquale Tridico aveva spiegato che il 1 aprile non era il click day e che le domande possono essere inviate anche nei giorni successivi. Un’informazione che è evidentemente è arrivata troppo tardi con conseguente assalto del portale già da mezzanotte. Però, a creare questa confusione, era stata sempre l’Inps che sul proprio sito prima aveva comunicato che le domande di indennità sarebbero state valutate in ordine cronologico, per poi negare ufficialmente il click day e cancellare l’informativa online.

Come stanno le cose? Adesso sembra esserci un po’ di chiarezza e meno male visto che attualmente il sito dell’Inps non funziona bene, da errore di server o quando si collega dà numerosi problemi nella compilazione della domanda. Scrive l’Inps in una nota ufficiale:

“Da domani, 1° aprile, sarà possibile inoltrare online le domande per ottenere l’indennità di 600 euro prevista dal decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 (Decreto Cura Italia) per i professionisti e i lavoratori autonomi. Si ribadisce che non si tratta di un click day. Le domande potranno essere inviate anche nei giorni successivi al 1° aprile, collegandosi al sito e cliccando sul banner dedicato che compare sulla Home page”.

inps

Quindi la domanda per ottenere il bonus potrà essere presentata fino al 30 aprile 2020, senza ordine cronologico. “Dall’una di notte alle 8.30 circa, abbiamo ricevuto 300mila domande regolari. Adesso stiamo ricevendo 100 domande al secondo. Una cosa mai vista sui sistemi dell’Inps”, spiega in una nota Tridico.

Nel frattempo però l’ipotesi del click day ha scatenato tutti e c’è chi è rimasto sveglio o si è svegliato all’alba per riuscire a compilare la domanda. Mentre scriviamo il sito è offline. Ma i problemi sono iniziati già dopo la mezzanotte e continuati fino alle 5 di questa mattina. Numeri altissimi, ma tutto sommato paradossalmente pochi se si considera che già alle 23.00 il sito web era lentissimo, a mezzanotte il login era a singhiozzo e così un via vai di ‘error server’, mancato collegamento, ‘errore 500’ dopo login, postazione non raggiungibile.

sito inps

Così il web si scatena e l’hashtag #INPSdown diventa trend topic.

Fonte: Inps

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook