Noi, i popoli dell’Amazzonia, abbiamo paura. Presto ne avrai anche tu

indigeni brasile

I loro villaggi sono stati distrutti dalle fiamme e molti continuano a bruciare. I bambini si ammalano, gli animali muoiono. Quello che stanno subendo i popoli indigeni che vivono nell’Amazzonia devastata dagli incendi è terribile, ma il loro pericolo più grande è la colonizzazione.

Raoni Metuktire, ambientalista e capo del popolo indigeno brasiliano Kayapó scrive una lunga lettera in cui denuncia quello che sta succedendo, sottolineando che mentre il fuoco piano piano si sta spegnendo, ciò che mette in pericolo la loro sopravvivenza, non sono le fiamme.

“Molte delle nostre generazioni passate, un tempo combattevano. Adesso noi siamo uniti per combattere un nemico comune: tu”.

“Le terre dei popoli indigeni che hai invaso ora stanno bruciando così come quei lembi di terra che non c’hai derubato”, dice Metuktire.

Secondo l’ambientalista, il presidente Bolsonaro sta incoraggiando la deforestazione, ordinando ad allevatori e agricoltori di prendere sempre più terreno, invadendo le terre ancestrali sacre per le tribù indigene.
Tribù che da sempre difendono Madre Terra a costo della loro vita, che vengono minacciate e a volte colpite a morte.

“Ti invitiamo a fermarti. A fermare la distruzione della Terra. Quando abbatti gli alberi assalti gli spiriti dei nostri antenati. Quando scavi alla ricerca di minerali distruggi il cuore della Terra. E quando versi veleni sulla terra e nei fiumi – sostanze chimiche provenienti dall’agricoltura e il mercurio dalle miniere d’oro – indebolisci gli spiriti, le piante, gli animali e la terra stessa. Quando indebolisci la terra, essa inizia a morire. Se la terra muore, se la nostra Terra muore, nessuno di noi sarà in grado di vivere e anche noi moriremo tutti”, scrive ancora l’ambientalista.

E poi si chiede: perché lo fai?

“Dici che è per lo sviluppo – ma che tipo di sviluppo toglie la ricchezza della foresta e la sostituisce con un solo tipo di pianta o una sola specie di animale? Dove una volta gli spiriti ci davano tutto ciò di cui avevamo bisogno per una vita felice – tutto il nostro cibo, le nostre case, le nostre medicine – ora c’è solo soia o bestiame. Per chi è questo sviluppo?”.

Nella lingua Kayapó, i soldi si chiamano più caprim ,ovvero “foglie tristi”, perché è una cosa morta e inutile, e porta solo danno e tristezza.

“Quando i tuoi soldi arrivano nelle nostre comunità, spesso causano grossi problemi. Ci sono i ricchi, ma nel frattempo altre persone muoiono di fame o vivono nella miseria perché non hanno abbastanza soldi per procurarsi il cibo per sé e per i propri figli”.

Ma il conto arriverà per tutti, ricchi e poveri.

“E quando i loro spiriti saranno separati dai loro corpi, i loro spiriti saranno tristi e soffriranno, perché mentre sono vivi hanno fatto soffrire tante altre persone invece di aiutarle, invece di assicurarsi che tutti gli altri abbiano abbastanza da mangiare”.

Bisogna cambiare il mondo, ritrovando l’essenza della Terra.

“ Per vivere devi rispettare il mondo, gli alberi, le piante, gli animali, i fiumi e persino la terra stessa. Tutti respiriamo questa aria, beviamo tutti la stessa acqua. Viviamo su questo unico pianeta. Dobbiamo proteggere la Terra. In caso contrario, i grandi venti arriveranno e distruggeranno la foresta. Allora sentirai la paura che proviamo noi”.

 

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

tuvali
seguici su Facebook