sushi greenpeace

Uno dei più grandi fornitori al mondo di frutti di mare e di sushi è accusato di violazioni dei diritti umani. È il Fong Chun Formosa Fishery Company (FCF). A denunciarlo è stato il nuovo rapporto di Greenpeace East Asia.

Lo studio ha analizzato il modello economico a basso costo della pesca di Taiwan e le carenze croniche nel quadro giuridico e normativo, che contribuiscono a creare un ambiente in cui violazioni dei diritti umani e abusi sul lavoro, soprattutto nel settore della pesca, sono troppo comuni.

Secondo il dossier dal titolo “Misery at Sea” vi sarebbero nuove prove che collegano le violazioni dei diritti umani alla flotta peschereccia internazionale di Taiwan, tra cui il principale commerciante di pesce FCF. Tra le accuse, sfruttamento del lavoro minorile, lavori forzati e altri abusi a bordo delle navi.

Ciò ha gravi implicazioni per le sue catene di approvvigionamento globali ma non solo. Conferma anche l'inefficacia dell'approccio del governo di Taiwan per combattere la tratta di esseri umani e l'abuso di lavoro.

Condotte per più di un anno, le nostre indagini mostrano che la catena di approvvigionamento della pesca di Taiwan è ancora viziata da violazioni dei diritti umani, nonostante il cambio della legge all'inizio del 2017 per proteggere i pescatori migranti sulle navi di Taiwan”, ha detto Yi Chiao Lee, che ha guidato le indagini per il rapporto di Greenpeace East Asia. “Questo significa che c'è un'alta probabilità che pesce contaminato si stia trasformando in negozi di sushi e piatti da tavola in Asia, Europa e nelle Americhe. Non ci sono scuse. L'industria ittica di Taiwan deve ora agire con urgenza per eliminare queste pratiche spaventose”.

La replica di FCF

La società si è difesa. Il presidente Max Chou ha considerato fuorvianti le accuse di violazione dei diritti umani di Greenpeace, sottolineando che negli ultimi cinque anni FCF abbia dato priorità alla responsabilità sociale e alla sostenibilità ambientale:

“Ci rendiamo conto che, essendo uno dei maggiori fornitori mondiali di prodotti per la catena di fornitura integrata con più di 30 filiali, basi di pesca e agenti di spedizione in tutto il mondo, siamo un obiettivo primario per le organizzazioni che cercano di ottenere pubblicità e coloro che non sono pienamente consapevoli di gli ultimi sviluppi e miglioramenti attualmente in atto nel settore della pesca. Tuttavia, nei loro sforzi per frenare le gravi violazioni dei diritti umani, crediamo che sia ingiusto e ingannevole far entrare la nostra compagnia in coloro che tollerano la crudeltà e l'incuria dei loro lavoratori”.

Trafficanti di esseri umani a piede libero

Nel rapporto, gli investigatori di Taiwan e Nuova Zelanda hanno trovato 5 trafficanti di esseri umani condannati ma che vivono liberamente a Taiwan. Nonostante siano considerati fuggiaschi, alcuni dei membri continuano a essere coinvolti nel reclutamento di lavoratori migranti - prevalentemente del Sud-Est asiatico - per pescherecci taiwanesi, con la piena conoscenza e la negligenza delle autorità taiwanesi.

Grazie alle testimonianze fornite da alcuni gruppi locali per i diritti dei lavoratori taiwanesi tra cui Yilan Migrant Fishermen Union, sono stati scoperti nuovi scioccanti materiali fotografici e video relativi alla triste fine del pescatore indonesiano Supriyanto. L'uomo sano e relativamente giovane è morto in agonia appena quattro mesi dopo aver iniziato a lavorare sulla nave di Taiwan, Fu Tsz Chiun.

supryanto

 

Foto

Le immagini strazianti mostrano che Supriyanto era stato picchiato e maltrattato, eppure le autorità taiwanesi non avevano indagato adeguatamente sulla sua morte. L'agenzia di pesca di Taiwan sostiene che sia semplicemente morto per malattia.

In un'altra inchiesta, le interviste svolte in carcere gettano una nuova luce sull'assassinio del capitano del vascello Vanuatu. Parlando con i sei membri dell'equipaggio condannati, gli investigatori di Greenpeace hanno scoperto che nei giorni e nei mesi in fino all'omicidio del capitano, l'equipaggio era spesso costretto a lavorare 20 ore al giorno e 7 giorni alla settimana, affrontando ripetute violenze fisiche e abusi verbali, privazione del sonno, mancanza di cibo, discriminazione.

Nel 2015, l'Europa aveva ammonito Taiwan per la sua insufficiente cooperazione nella lotta alla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata, che sfida gli standard internazionali. A settembre, i funzionari dell'UE esamineranno lo status di Taiwan e decideranno se revocare l'avvertimento. 

Per leggere la versione integrale del dossier di Greenpeace Misery oh the sea, clicca qui

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram