bombardamenti siria

C’era anche un neonato con due giorni di vita tra le vittime innocenti della strage senza fine siriana.

Uomini, donne e bambini che avevano bisogno di cure mediche e sostegno psicologico avevano trovato rifugio in uno degli ospedali di Aleppo. Ma neanche quello era un luogo sicuro.

Non criminali, dunque, ma civili morti a causa dei bombardamenti aerei che hanno colpito e distrutto parzialmente sette ospedali e una banca del sangue.

La denuncia arriva dall’Associazione dei medici indipendenti (Ida), che ha annunciato anche la chiusura delle strutture per i continui attacchi sferrati.

Una vera e propria tragedia umanitaria. Impossibile stabilire un numero esatto di morti, ma secondo gli attivisti dei Comitati di Coordinamento locale sarebbero circa 121, e tra loro anche tanti bambini.

bambini siriani bombe
bambini bombardamenti ospedali
 
siria ospedale msf 03 1000x600FotoEPA/MSF

"L’apporto di ossigeno al neonato è stato interrotto dopo un bombardamento contro l’ospedale, il secondo attacco alla struttura nell’arco di dodici ore. I medici potevano solo urlare ai colleghi di proteggere i bambini", scrive l’Ida.

L’ennesima strage dopo quella in cui le aviazioni di Damasco e Mosca avevano bombardato nei mesi scorsi proprio gli ospedali siriani.

Secondo quanto riporta Syria Direct le strutture colpite sarebbero quelle di Bayan, Hakim, Daqmaq e Zahra, oltre a una banca del sangue nel quartiere Shaar.

LEGGI anche: LA STRAGE DEI BAMBINI SIRIANI DI CUI NESSUNO PARLA

Un'altra clinica colpita si trova ad Atareb, cittadina a ovest di Aleppo lungo la strada che collega la metropoli siriana al confine occidentale con la Turchia. Un' altra è stato bombardata e distrutta nella Ghuta orientale, vicino Damasco. Il settimo e ultimo ospedale colpito è quello pubblico di Idlib.

"Mai come adesso, gli ospedali in cui sono ricoverati donne e bambini in un-Shaar sono stati presi così di mira. Gli operatori sanitari dicono che il ritmo degli attacchi è cresciuto a dismisura dopo l’offensiva russa che ha circondato la città a fine maggio", ha spiegato Abdelbasset Ibrahim, direttore del Dipartimento di salute di Aleppo.

Nei giorni scorsi l'Onu aveva lanciato l'allarme umanitario per i circa 300mila civili rimasti ad Aleppo est: sono rimasti senza farina, medicine e acqua potabile.

Così si muore oggi in Siria, anche se sei "solo" un bambino. Per denutrizione. O sotto le bombe.

Stiamo parlando di decine di migliaia di persone tagliate fuori da qualsiasi tipo di assistenza.

Medici senza frontiere ha lanciato la petizione #milionidipassi per affrontare la questione a livello internazionale, perché il tema delle popolazioni in fuga è una questione umanitaria e non un problema di sicurezza.

“Chiediamo a tutte le parti in conflitto, e in particolare al governo siriano, di porre fine al bersagliamento delle infrastrutture civili, come gli ospedali e le scuole, e di interrompere l’utilizzo indiscriminato di armi in zone urbane, dove sono i civili a pagare il prezzo maggiore. Tutte le parti in conflitto devono rispettare il diritto umanitario”, questo l'appello di Teresa Sancristóval, Coordinatrice dell’emergenza per MSF. Era il 2003.

Da allora, purtroppo, nulla è cambiato. Dall'inizio della crisi in Siria, circa 12.000 bambini sono stati uccisi. Più di 2,3 milioni hanno dovuto lasciare il paese.

Firma qui la petizione

Dominella Trunfio

Foto

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram