Il presepe di Banksy che cambierà il Natale di tutti noi risvegliando le coscienze

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Maria, Giuseppe e il Bambin Gesù e, sopra di loro, invece della stella cometa un grande foro di proiettile su un’imponente parete grigia. È la “La cicatrice di Betlemme”, Scar of Bethlehem, l’ultima opera di Banksy non a caso apparsa in Cisgiordania a rappresentare un monito contro tutti i muri del mondo.

È qui, infatti, sul fronte di una guerra infinita, che compare questa nuova opera del misterioso street artist inglese. Installata al Walled-Off Hotel, l’albergo voluto dallo stesso Bansky a Betlemme, con vista sul muro fatto costruire da Israele per separare la città palestinese dai territori di Gerusalemme Est, “La cicatrice di Betlemme” è la scena sui generis di una mangiatoia che racconta tutto: un muro che delimita confini e le strade chiuse ai profughi, con sullo sfondo messaggi di pace.

La Madonna, Giuseppe e Gesù sono retroilluminati e poggiati avanti a cinque blocchi di cemento, sui quali c’è un foro. Sulla parete sono incise, in inglese e in francese, parole come “amore”, “libertà” e “pace”.

L’albergo di Banksy

Inaugurato due anni fa, l’hotel, noto come “l’albergo con la peggiore vista sul mondo” è pieno di opere d’arte originali di Banksy.

alberto banksy cover

Il clou è la stanza numero tre, conosciuta come “La stanza di Banksy”, dove gli ospiti dormono in un letto king-size sotto le opere d’arte dell’artista che mostrano un palestinese e un israeliano che combattono con i cuscini.

Lo street artist è noto per aver fatto dichiarazioni politiche con i suoi graffiti e ha fatto precedenti incursioni nei territori palestinesi.

In una visita segreta, attirò una ragazza che veniva trascinata verso l’alto da palloncini sul muro divisorio, e si ritiene che si fosse intrufolato a Gaza per disegnare quattro murales, incluso uno su una porta di metallo che raffigurava la dea greca Niobe che si rannicchiava contro le macerie di una casa distrutta.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook