Mentre bruciava Notre-Dame, anche la moschea Al-Aqsa a Gerusalemme andava a fuoco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Incredibile ma vero. Mentre a Parigi Notre-Dame-Dame andava in fiamme, anche la moschea di al-Aqsa a Gerusalemme ieri sera si trovava nel pieno di un rovinoso rogo, passato quasi inosservato al resto del mondo.

Mentre gli occhi di tutti erano puntati sulla cattedrale parigina, insomma, un altro incendio, seppure di dimensioni minori e domato in poco tempo, devastava un altro fondamentale luogo di culto e uno dei più importanti dell’Islam.

La moschea al-Aqsa è infatti il terzo luogo sacro per gli islamici e un pezzo fondamentale nel conflitto arabo-israeliano, poiché si trova nella città vecchia di Gerusalemme Est, inizialmente occupata dalla Giordania nel 1948, poi da Israele nel 1967 e infine annessa nel 1980.

Per il momento si sa che il rogo, le cui cause sono ancora da accertare, sarebbe divampato nella guardiola sul tetto della sala di preghiera Marwani (nota anche come “Stalle di Salomone”), ma secondo il direttore generale del Dipartimento per gli affari della moschea di Gerusalemme, Sheikh Azzam al-Khatib, il fuoco potrebbe essere stato appiccato (probabilmente in modo involontario) da alcuni bambini che erano stati visti giocare nei paraggi.

Perché è così importante la moschea al-Aqsa di Gerusalemme

moschea gerusalemme

La moschea di al-Aqsa si trova nella famosa Spianata delle moschee, una collina nella cosiddetta città vecchia di Gerusalemme. Si tratta del principale complesso religioso della città e qui, oltre ad al-Aqsa, l’edificio più importante è la cosiddetta Cupola della roccia, costruita nel luogo dove secondo l’Islam Maometto salì in cielo.

I musulmani considerano il complesso il terzo luogo sacro più importante al mondo dopo la Mecca e Medina, in Arabia Saudita. In una intervista alla BBC, Sheikh Azzam al Khatib al Tamimi, il capo dei custodi musulmani della Spianata delle moschee spiegò che per l’Islam la moschea al-Aqsa è il “posto più vicino al paradiso”.

Ecco perché vederlo andare a fuoco è stato doloroso tanto quanto Notre-Dame Dame.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook