Il mondo dopo Parigi: un libro per capire come potranno cambiare le nostre vite

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Cop21 ha portato allo storico , una sfida che i paesi sembrano aver accolto, ma dopo la recente ratifica i passi da compiere sono ancora tanti. Come cambierà dunque il mondo alla luce dell’accordo di Parigi? A provare a dare una risposta a questa domanda sono stati Emanuele Bompan e Sergio Ferraris con la pubblicazione del libro “Il mondo dopo Parigi”.

Una raccolta di commenti e opinioni, che valuta i vari aspetti dell’accordo, di cui ancora l’opinione pubblica non ha ancora un’idea unanime: sarà il fallimento che porterà alla condanna del pianeta o l’ancora di salvezza delle generazioni future, limitando i danni del cambiamento climatico provocato dall’uomo?

Il libro “Il mondo dopo Parigi” contiene idee, riflessioni, critiche dalla società civile, dalla politica e dal mondo delle imprese italiane, un’antologia che inquadra lo stato della riflessione nel nostro paese. Ma non solo. Ne fanno parte anche una serie di saggi tecnici, redatti da professori, giornalisti ed esperti focalizzati su alcuni elementi salienti dell’accordo.

“In soli quattro mesi da Parigi tutto sta cambiando e i segnali di crisi sono sempre più concreti. Tre mesi d’anomalia termica ci stanno portando già ora vicini agli 1,5°C auspicati per la fine del secolo, e la ricerca di James Hansen, lo scopritore dei cambiamenti climatici nel 1988, sugli effetti dello scioglimento dei ghiacci artici sulla Corrente del Golfo sta facendo molto rumore nella comunità scientifica, al quale non corrisponde un allarme altrettanto preoccupato da parte della politica che a Parigi ha firmato, se non sarà cambiato, un accordo al ribasso. Assolutamenete insufficiente. Anche per questo motivo abbiamo voluto raccogliere in un volume degli interventi sul tema provenienti da diversi settori, come il giornalismo, l’industria, le associazioni e la politica. In Italia il dibattito sul clima è molto limitato e deve diffondersi a macchia d’olio affinché la politica nostrana sia costretta a inserirlo in agenda. Al di la dei facili proclami fatti in sede internazionale” ha detto a greenMe.it Sergio Ferraris.

cover mondo parigi

“Oggi sembra non ci sia interesse sul clima. Eppure l’accordo di Parigi è destinato ad avere un impatto sull’economia e sulla nostra società. Sono processi lunghi e complessi. E conoscere gli elementi salienti e quelli critici di questo accordo, con analisi e commenti come fa questo libro, diventerà strategico per amministratori e imprese” ha aggiunto EmanueleBompan.

Uno strumento utile per capire come e se l’Accordo di Parigi cambierà le nostre vite.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

frecciaCAMBIAMENTI CLIMATICI: LA PIATTAFORMA DEGLI SCIENZIATI CHE SMENTISCE LE BUFALE DEI GIORNALISTI

frecciaCOP21: RATIFICATO L’ACCORDO DI PARIGI, MOMENTO STORICO. MA L’ITALIA È LONTANA DAGLI OBIETTIVI GLOBALI

frecciaCOP21: CHI SALVERÀ IL CLIMA? PRO E CONTRO DELL’ACCORDO DI PARIGI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook