Grey’s Anatomy 17: la nuova stagione affronterà la pandemia di coronavirus con il supporto di medici reali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ ufficiale! La nuova stagione di Grey’s Anatomy affronterà la pandemia di coronavirus

Le riprese delle ultimissime puntate della sedicesima stagione erano state interrotte proprio a causa della pandemia e, in piena emergenza, gli autori avevano deciso di donare il materiale sanitario del set agli ospedali. Ora arrivano le conferme ufficiali che nella nuova stagione il coronavirus arriverà anche tra le corsie del Greys Sloan Memorial Hospital.

A confermarlo ufficialmente il produttore esecutivo dello show Krista Vernoff durante il panel Quaranstreaming : Comfort TV That Keeps Us Going ospitato dalla Television Academy e trasmesso su Emmys.com ieri sera:

Non c’è modo di essere uno spettacolo medico di lunga data e non fare la storia medica della nostra vita – ha dichiarato – […] ha un’opportunità e una responsabilità per esplorare in che modo la pandemia di coronavirus colpisce gli operatori sanitari in prima linea.

Sebbene le riprese della stagione 17 non siano ancora inizate a causa proprio delle restrizioni, Vernoff ha affermato che gli autori stanno lavorando sodo alla sceneggiatura proprio con il contributo di medici reali che hanno combattuto il Covid-19 e condiviso le loro storie sulla pandemia:

“Ogni anno abbiamo medici che vengono a raccontarci le loro storie e di solito raccontano quelle più divertenti o più folli. Quest’anno, è sembrato più una terapia”, ha spiegato.

“I dottori entrano e noi siamo le prime persone con cui parlano di questi tipi di esperienze che stanno vivendo. Stanno letteralmente tremando e provando a non piangere, sono pallidi e ne parlano come guerra – una guerra per la quale non sono stati addestrati. E questa è stata una delle nostre grandi conversazioni su Owen che in realtà è stato addestrato per questo, in un modo in cui la maggior parte degli altri dottori non lo sono. “

Agli sceneggiatori, dunque, il compito di tradurre queste storie davvero dolorose, riuscendo al tempo stesso a mantenere vivo l’umorismo e il romanticismo che ha da sempre caratterizzato la serie.

La scorsa stagione doveva contare su 25 episodi, ma a causa dello scoppio della pandemia e l’interruzione delle riprese si è fermata a 21 puntate. A marzo lo stesso Vernoff aveva annunciato la donazione di guanti e materiale sanitario ai primi soccorritori.

In attesa dei nuovi episodi e di come riusciranno a declinare la drammaticità dei nostri giorni, vi rimandiamo al panel in cui hanno partecipato anche Chandra Wilson (che interpreta la dottoressa Miranda Bailey) e Kevin McKidd (che i fan conosceranno come Dr Owen Hunt):

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile e Co-Founder di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa di diversi settori. Appassionata di tecnologia e ambienta, ha tenuto corsi di scrittura per il web dedicati a giornalisti e studenti.
eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook