Le isole Faroe chiuderanno “per manutenzione” per colpa dei troppi turisti. Si cercano volontari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un’isola può chiudere per qualche giorno per preservare i suoi ecosistemi? Evidentemente sì. Le isole Faroe, le stesse a noi “care” per la caccia alle balene, sono proprio pronte a chiudere i battenti per un po’ per dare spazio a diversi progetti di manutenzione.

Le Isole Faroe, a metà strada tra la Norvegia e l’Islanda, saranno chiuse ai turisti e accoglieranno i volontari solo dal 15 al 17 aprile 2020.

Il territorio, un arcipelago controllato dalla Danimarca, ha visto in effetti negli ultimi anni un vero e proprio boom di turisti: mentre nel 2013 si sono contate poco meno di 70mila presenze, l’anno scorso il numero di visitatori è arrivato a 110.000, il doppio della popolazione delle isole.

Turisti che arrivano da ogni parte del mondo per la ammirare la bellezza di questi posti, tra oceano blu, scogliere verticali sul mare, montagne verdi e una pittoresca valle. Ma un simile boom turistico ha causato paura tra le autorità locali, preoccupate per gli effetti che potrebbe causare sugli ecosistemi locali. Hanno così trovato una soluzione, chiamando i volontari un paio di volte all’anno per chiedere aiuto su diversi progetti, dalla manutenzione delle strade al ripristino dei siti che il crescente afflusso di ospiti ha compromesso.

Per noi, il turismo non è solo una questione di numeriha dichiarato alla CNN Guðrið Højgaard, direttore di Visit Faroe Islands. Diamo il benvenuto ai visitatori delle isole ogni anno, ma abbiamo anche una responsabilità nei confronti della nostra comunità e del nostro bellissimo ambiente e il nostro obiettivo è preservare e proteggere le isole, garantendo una crescita sostenibile e responsabile”.

Ben detto, Mister Højgaard, una crescita sostenibile e responsabile prima di tutto, ma non crede faccia un po’ a cazzotti con le centinaia di cetacei che su queste isole vengono macellati ogni anno?

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook