Sagada: le spaventose bare sospese nelle Filippine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa sera in molti Paesi del mondo si festeggerà la notte di Halloween, festività anglosassone che trae origini da ricorrenze celtiche e che veniva considerata il Capodanno delle streghe. Tipica della festa è la simbologia legata al mondo della morte e dell’occulto. A Sagada chi ama le atmosfere cupe e spaventose troverebbe certo pane per i propri denti.

Lite tra elefanti

Questa sera in molti Paesi del mondo si festeggerà la notte di Halloween, festività anglosassone che trae origini da ricorrenze celtiche e che veniva considerata il Capodanno delle streghe. Tipica della festa è la simbologia legata al mondo della morte e dell’occulto. A Sagada chi ama le atmosfere cupe e spaventose troverebbe certo pane per i propri denti.

Nella regione di Sagada, nelle Filippine, la popolazione degli Igorot per 2000 anni ha seguito la tradizione di creare bare di legno sospese per i propri morti, che venivano e vengono ancora collocate lungo una scogliera a picco sul mare. La pratica consente di proteggere i morti dalle inondazioni e dagli animali e secondo le credenze Igorot consente un più facile passaggio al cielo, verso l’aldilà.

Tra gli Igorot della Echo Valley di Sagada la tradizione di sospendere le bare accanto alla scogliera è ancora presente. Gli abitanti anziani si preparano attivamente alla morte costruendo la propria bara, quando sono fisicamente in grado di farlo. Si tratta di un rituale probabilmente unico al mondo.

Se gli anziani sono troppo deboli e malati, sono i loro familiari a preparare le bare, che in seguito verranno appese lungo la scogliera o all’interno di una grotta. Alcune delle bare tuttora presenti avrebbero oltre un secolo di vita. Molti dei luoghi in cui le bare vengono posizionate sono difficili da raggiungere, forse perché i defunti, per rispetto, dovrebbero essere lasciati soli.

sagada 1

sagada 2

sagada 3

sagada 4

sagada 5

I turisti possono osservare le bare da una certa distanza. Non le devono toccare e non devono camminare nelle loro vicinanze, ma possono munirsi di un binocolo o di una macchina fotografica che li aiuti ad ammirarle da lontano. Avreste il coraggio di visitare questo luogo che già dalle semplici immagini mette i brividi?

Marta Albè

Fonte foto: flickr.com

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook