circuiti

L'elettronica del futuro sarà votata alla sostenibilità, parola dell'Università di Perugia dove un team di ricercatori è all'opera per creare dei circuiti elettronici "intelligenti" ed eco-compatibili stampati su carta.

Se ne stanno occupando in particolare gli scienziati dell'HFElab "High Frequency Electronics Lab" coordinato dal professore Luca Roselli e specializzato nello studio di tecnologie innovative per la "green electronics", l'elettronica fatta con materiali ecocompatibili e a massima biodegradabilità. L'attenzione degli studiosi è rivolta soprattutto alla paper electronics, l'elettronica su carta, volta alla creazione delle "etichette" intelligenti che oltre all'eco-compatibilità offrano la possibilità di sfruttare, a costi davvero bassi, alcune proprietà meccaniche della carta, tra cui la flessibilità. E soprattutto biodegradabili.

Partecipando al progetto di ricerca interuniversitario nazionale GRETA (GREen TAgs and sensors with ultrawideband identification and localization capabilities), i ricercatori perugini cercheranno di sviluppare un circuito elettronico su supporto cartaceo autonomo dal punto di vista energetico, poiché capace di raccogliere l'energia necessaria dall'ambiente e impiegarla per svolgere funzioni di "sensing" (rilevazione e trasmissione dati di vario genere) e localizzazione.

Un ambizioso obiettivo a cui contribuiscono anche gli Atenei di Bologna, dell'Aquila, di Ferrara e di Pavia. I ricercatori perugini al momento stanno lavorando proprio su questo, cioé cercheranno di rendere i circuiti energeticamente autonomi facendo loro attingere energia dall'ambiente circostante. Ma punteranno anche a non far loro sprecare la poca energia raccolta sviluppando circuiti a bassissimo consumo.

Le prime applicazioni della tecnologia studiata nel progetto GRETA saranno individuate in ambito ospedaliero. Si parla infatti di smart hospital, realizzando etichette in grado di "rilevare i parametri vitali dei pazienti e in grado di localizzare oltre che controllare, lo stato di conservazione di materiali deperibili quali sacche di plasma e medicinali" spiegano gli ideatori. "In ambito industriale, invece, si lavorerà a impieghi nella logistica e nel monitoraggio della catena alimentare del freddo".

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Geek jewelry: l'arte del riciclo creativo contro l'e-waste

- 10 modi per riciclare i vecchi controller Nintendo (NES)

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram