Cellulari appesi in classe come cappotti. L’idea di una scuola di Biella per limitare l’uso degli smartphone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutti i ragazzi (e anche molti bambini) hanno ormai un cellulare e, purtroppo, questo viene portato e utilizzato anche a scuola durante le ore di lezione. Una scuola di Biella ha pensato di eliminare il problema alla radice creando un pannello in cui ogni alunno deve posizionare il suo cellulare appena arrivato in aula.

L’idea è nata all’istituto superiore Bona di Biella su proposta della dirigente che, a seguito di un erasmus in Olanda, aveva notato questa semplice ma intelligente soluzione per superare lo scoglio dell’utilizzo dei cellulari in classe. Ha pensato così di portarla anche nella sua scuola.

Nelle classi da settembre sono stati fissati dei pannelli di stoffa sul muro con dei taschini numerati, ciascuno serve a contenere un cellulare che deve obbligatoriamente rimanere lì durante tutto l’orario delle lezioni in modo tale che gli studenti non abbiano la tentazione di utilizzarlo (hanno però la possibilità di consultarlo durante l’intervallo).

Ovviamente i cellulari all’interno del pannello devono essere spenti o silenziosi, sentirli squillare o avvertire il suono di chat e messaggini sarebbe ugualmente fastidioso.

Inizialmente gli studenti non hanno accettato di buon grado la novità ma ora sembrano aver capito che l’idea è stata pensata per il loro “bene”.

Dalla direzione della scuola hanno spiegato:

“Subito gli alunni hanno dimostrato fastidio, ritenendo difficile il distacco dal proprio telefono. Lo preferivano certamente nelle loro tasche. Ora è stato accettato e qualcuno di loro ha compreso che non c’è nessuna intenzione punitiva ma solo quella di abituarli alla corretta gestione del proprio dispositivo”.

Una semplice ma pratica soluzione per il problema dei cellulari in classe non trovate? Chissà che altre scuole non prendano spunto…

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook