Creata la rivoluzionaria batteria ‘a nido d’ape’ che dura 100 volte di più

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aumentare la durata delle attuali batterie dei dispositivi elettronici di 100 volte con una ricarica di appena 5 ore. Un nuovo dispositivo promette di riuscirci grazie a uno speciale materiale magnetico che impiega una struttura unica, un reticolo a nido d’ape.

Uno dei principali limiti legati all’utilizzo di smartphone, laptop e altri dispositivi elettronici è la scarsa durata della batteria. Per questo, un gruppo di scienziati guidati da Deepak K. Singh, professore associato di fisica e astronomia all’Università del Missouri, ha sviluppato un materiale dedicato ai dispositivi elettronici, in grado sia di garantire una maggiore carica che di evitare l’eccessivo riscaldamento.

Immaginate di poter ricaricare il vostro smartphone una volta ogni 3 settimane. O ancora di veder passare da 5 a 500 le ore di autonomia del vostro computer portatile con una breve ricarica. Tra qualche anno tutto ciò potrebbe diventare realtà.

Il team ha già fatto la richiesta di brevetto per un diodo magnetico che impiega una struttura a nido d’ape caratterizzata da proprietà elettroniche distintive.

I diodi e gli amplificatori basati su semiconduttori spesso fatti di silicio o germanio, sono elementi importanti nei moderni dispositivi elettronici”, ha spiegato Singh. “Un diodo normalmente conduce corrente e tensione attraverso il dispositivo lungo una sola direzione di polarizzazione, ma quando la tensione viene invertita, la corrente si arresta. Questo processo di commutazione costa una perdita significativa di energia a causa della dissipazione, o l’esaurimento della fonte di energia, influenzando così la durata della batteria. Sostituendo il semiconduttore con un sistema magnetico, possiamo creare un dispositivo energeticamente efficace in grado di consumare molta meno energia con funzionalità migliorate”.

A questo proposito, il team di Singh ha sviluppato un materiale bidimensionale nanostrutturato applicando una lega magnetica su una superficie di silicio caratterizzata da una struttura a nido d’ape. Cos’ha di speciale? Conduce corrente in modo unidirezionale e permette di dissipare in maniera più efficiente il calore.

Ciò si tradurrebbe in aumento della durata delle batterie di oltre un centinaio di volte. Sarà necessario continuare a lavorare sul dispositivo per sviluppare il prodotto finale ma le prospettive sono incoraggianti visto che con una sola carica di 5 ore, i sistemi elettronici funzionerebbero per 500.

“Abbiamo richiesto un brevetto negli Stati Uniti e abbiamo iniziato il processo di incorporazione di una società spin-off per aiutarci a portare il dispositivo sul mercato” concludono gli scienziati.

Lo studio è stato pubblicato su Advanced Science.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook