karma app sprechi alimentari

Un’app per sfamare chi ha bisogno: Karma mette in contatto chi lo desidera con i ristoranti che offrono pasti in eccesso, venduti a metà prezzo o anche meno, che altrimenti sarebbero buttati via. L’idea è nata da Elsa Bernadotte, Mattis Larsson, Ludvig Berling e Hjalmar Ståhlberg Nordegren, 4 giovani ex colleghi universitari.

Con sedi in Svezia e a Londra, è per ora attiva con esercizi commerciali londinesi e svedesi, come ristoranti, panetterie, hotel e caffè e tre delle più grandi catene di supermercati svedesi: più di 1500 aziende dal lancio avvenuto nel 2016.

Milioni di tonnellate di cibo vengono buttate via ogni anno, circa un terzo da ristoranti e negozianti, e in gran parte perfettamente commestibili. Uno spreco imperdonabile, che anche altre iniziative cercano di combattere, se consideriamo che anche nei Paesi cosiddetti sviluppati la fame non manca.

A questo proposito una recente ricerca ha evidenziato che solo a Londra 700.000 bambini, 1.4 milioni di adulti in età lavorativa e 200.000 pensionati vivono sotto la soglia di povertà, mentre il 50% della ricchezza è in mano al 10% della popolazione.

Karma, che non prevede costi di abbonamento, punta a combattere queste assurdità, consentendo inoltre agli esercizi commerciali delle entrate in più, per cibo che altrimenti sarebbe buttato (le stime indicano fino a 32.000 euro annui in più).

Dal lancio ci sono state diverse difficoltà, ma alla fine il business ha attirato alcuni finanziamenti da parte di investitori, e la “conquista” del mercato di Londra ha dato un grande rilancio all’iniziativa, che oggi è una vera e propria impresa, con 35 persone, e piani di assunzione per altre 20.

“Abbiamo bisogno di incrementare il business per poter avere l’entità dell’impatto a cui miriamospiega Nordegren - Essere in grado di trarre profitto dall’aver risolto un problema e creare valore per ristoranti e consumatori rende questa una fantastica opportunità per creare un’attività in cui non è necessario scegliere tra causa o profitto”.

Causa sociale e business: una combinazione vincente che potrebbe veramente contribuire a combattere gli sprechi alimentari a favore di chi ha bisogno. “Stiamo anche progettando avere un team con più di 100 persone l’anno prossimo – rivela entusiasta ancora il CEO – In fondo siamo in missione per risparmiare ancora più cibo!”.

Sperando che il tutto proceda nel migliore dei modi e che iniziative come queste si replichino con successo dove ci sono ingiustizie (quindi, purtroppo, ovunque).

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Foto: Karma

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram