Spiagge sarde depredate: in valigia sabbia, conchiglie e stelle marine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Buste e scatole già catalogate e confezionate, contenenti conchiglie, sabbia, stelle marine e non solo. La stagione estiva non è ancora iniziata ma già si parla di una triste routine: quella di depredare le spiagge.

Ne avevamo parlato qualche tempo fa: in Sardegna i turisti hanno la cattiva abitudine di portarsi via sabbia, conchiglie e altro materiale che si trova sul litorale.

Questa volta la denuncia arriva dalla pagina Facebook “Sardegna rubata e depredata” che mostra l’immagine di ciò che gli agenti dell’Airport Security di Cagliari, Olbia e Alghero e del Port Security di Olbia, Golfo Aranci, Cagliari, Porto Torres e Arbatax, hanno trovato all’interno di una valigia.

Tutto materiale probabilmente destinato a collezionisti in Germania, visto che la catalogazione di buste e scatolette è proprio in tedesco.

“Stagione 2019 già cominciata purtroppo – si legge nel post con allegata foto – Anche questa estate ne vedremo delle belle!”, si legge nella pagina Facebook.

Il materiale secondo gli agenti proviene da 8 litorali diversi: Bosa, Mari Ermi, Tharros e Nord Oristano, Villasimius, Le Bombarde di Alghero e La Pelosa di Stintino.

Perché non bisogna portar via la sabbia dalla spiaggia? Perché quello che sembra un semplice gesto, va in realtà a minare l’equilibrio della natura. Il processo di formazione della spiaggia è molto lungo ed è vittima dell’erosione. Se a questo ci aggiungiamo che ognuno prende una manciata di sabbia, il risultato non è di certo positivo.

Ricordiamo infine che rubare sabbia o altro materiale del litorale è un reato punibile dalla legge con una multa. Il Codice della Navigazione all’art. 1162 (Estrazione abusiva di arena o altri materiali) stabilisce che:

“Chiunque estrae arena, alghe, ghiaia o altri materiali nell’ambito del demanio marittimo o del mare territoriale ovvero delle zone portuali della navigazione interna, senza la concessione prescritta nell’articolo 51, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.549,00 a euro 9.296,00”.

Essere in possesso in maniera illecita di sabbia prevede anche l’applicazione di aggravante perché la sabbia è di considerato materiale di pubblica utilità.

Quindi la prossima volta che volete un souvenir, sceglietene uno vero: per portare con voi il ricordo della bella Sardegna, basta una calamita!

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook