Erba Brusca: orto con cucina

erba brusca


Siete alla costante ricerca di prodotti a chilometri zero anche quando vi capita di dover cenare o pranzare fuori casa? Purtroppo, si sa, le regole della ristorazione sono spesso ben altre e gran parte dei ristoranti del Bel Paese non seguono il principio di prediligere materie prime di stagione o di provenienza locale. Non è il caso però dell’Erba Brusca, punto di ristoro milanese che attinge la maggior parte degli ingredienti necessari in cucina dal proprio orto o avvalendosi dell’aiuto di agricoltori della zona, con particolare riferimento alle aziende del Parco Agricolo Sud Milano.

Continua a leggere

L'erba del vicino e' sempre piu' verde, la carta no

carta e cartone


Per deformazione professionale sono portato a controllare la differenziata del vicino. Se poi il bidondocino che raccoglie la carta è sotto la buca delle lettere, l'occhio del netturbino non può farne a meno.

Continua a leggere

“Il netturbino” racconta, in attesa di un mondo senza rifiuti

rifiuti


Secondo la direttiva europea 2008/98/CE sui rifiuti, l’obiettivo principale di qualsiasi politica in materia di rifiuti dovrebbe essere quello di “ridurre al minimo le conseguenze negative della produzione e della gestione dei rifiuti sulla salute umana e sull’ambiente”. Le politiche in materia di rifiuti dovrebbero quindi “puntare a ridurre l’uso di risorse e promuovere l’applicazione pratica della gerarchia dei rifiuti”.

Continua a leggere

La bolletta della luce

bolletta luceCasa mia è piccola, 40 metri quadri scarsi, divisa in zona giorno/zona notte, un bagnetto, un balcone piccolo coperto che mi fa da ripostiglio/lavanderia/stanza estiva per la colazione/sala fumatori, etc. E seduta lì una sera, sbevazzando e chiacchierando con la mia amica-vicina, ho fatto con lei un casuale paragone di bollette dell'elettricità.

Continua a leggere

L'ambientalista egoista

Lo stile di vita di Vivigreen

Qualche anno fa, quando mi sono iscritta all'università, quando l'ambiente era un tema pressoché ignorato dal grande pubblico, l'ambientalista veniva spesso preso in giro e associato al famoso ecologo sulla barchetta (mi riferisco alla pubblicità di una marca di detersivi biodegradabili che vedeva un uomo grigio e barbuto remare in mezzo al lago), e non mancavano espressioni poco onorevoli del tipo “voi ambientalisti volete farci tornare a vivere sugli alberi e nelle caverne”.

Continua a leggere