Ecco dei rimedi naturali per curale la stomatite dei vostri animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il vostro cane o il vostro gatto ha spesso le gengive infiammate? Ecco alcuni rimedi naturali per prevenire o curare la stomatite dei nostri animali.

La stomatite è uno dei disturbi che interessano più frequentemente i nostri amici a 4 zampe; come possiamo intervenire per prevenirla o curarla con i rimedi naturali?

La stomatite consiste in un processo infiammatorio a carico della cavità orale che può interessare tutta la mucosa o più specificatamente le gengive (in questo caso si parla di gengivite). Le cause possono essere molteplici, sia a carattere locale che di natura sistemica (cioè come conseguenza di un’altra patologia in atto): batteri, virus, malattie metaboliche come insufficienza renale e diabete, corpi estranei, traumi, placa dentaria o tartaro, ecc ecc.. Inoltre la stessa stomatite può interessare solo la bocca o se trascurata può comportare, attraverso il circolo sanguigno, conseguenze anche a carico di altri organi vitali, come endocarditi o nefriti. A livello locale potremmo avere mucosa arrossata, presenza di ulcere , gengive arrossate e sanguinolenti, scialorrea, dolore (e questo può causare anoressia nonostante la permanenza di appetito, e facile irritabilità dell’animale), alitosi.

Come intervenire quindi? Se il problema è già esistente, portate il vostro animale dal veterinario per una visita, in primis, e se necessario per degli esami più approfonditi con lo scopo di determinarne la causa o eventuali conseguenze già in atto (tutto naturalmente dipende dalle condizioni generali del cane o del gatto). Solitamente poi si ricorre alla somministrazione di antibiotici e antinfiammatori soprattutto per curare un’eventuale infezione e togliere il dolore.

Per una terapia più naturale si può ricorrere all’utilizzo della propoli o calendula tm da diluire in un cucchiaino d’acqua e spennellare sulle afte o ulcere della mucosa orale e sulle gengive arrossate (in commercio potete già trovare un colluttorio a base di propoli); lo stesso si può fare con un decotto di malva (quest’ultimo può essere anche somministrato al posto dell’acqua; svolge una funzione disinfiammante su tutte le mucose). Per alleviare il dolore si può fornire dell’arnica. Se il vostro cane/gatto fa fatica ad alimentarsi, optate per cibi morbidi, anche degli omogeneizzati, almeno fino a quando la situazione non migliori ed il vostro amico non rincominci a mangiare tranquillamente.

Come invece prevenire? Se la stomatite è una conseguenza di un problema di carattere sistemico è sicuramente più difficile intervenire a priori, ma come abbiamo detto all’inizio essa può essere causata anche da una cattiva igiene del cavo orale, con la formazione di placca dentaria e tartaro. Sarebbe buona norma quindi abituare il proprio amico a 4 zampe ad una igiene quotidiana della bocca con l’utilizzo di un banale spazzolino (meglio quello per bambini), e questo fin da cuccioli in modo che tale pratica rientri nella routine di tutti i giorni; non utilizzare però il dentifricio ad uso umano che può essere tossico o danneggiare lo stomaco; inoltre somministrate anche degli alimenti duri da sgranocchiare. In caso ci fosse già la presenza di placca o tartaro, è consigliabile un detartrase (la classica pulizia dei denti, ma in tal caso l’animale va messo in anestesia generale per avere la possibilità di effettuare un lavoro più accurato, quindi è necessario valutare prima lo stato di salute generale del soggetto).

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook