Ogni tanto mangio un fiore…

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete mai fatto caso a quanti fiori finiscono nei nostri piatti? Anche quando mangio (essendo io fissata con la botanica), penso sempre a quale parte della pianta ho davanti… Di solito i fiori si mangiano quando sono ancora in boccio, quindi è difficile riconoscerli, mentre altri si consumano perfettamente fioriti e danno un tocco di sapore, oltre che di colore alle ricette di tutti i giorni, magari coltivandoli noi stessi. Ecco qui qualche curiosità e idee da sperimentare.

Broccoli e cavolfiori: infiorescenze in boccio

Avete mai pensato che un broccolo è una specie di mazzo di fiori? Se invece di metterli in pentola li lasciassimo fiorire mettendoli a bagno in acqua, sboccerebbero tanti fiorellini con 4 petali disposti a croce comuni a tutte le piante della famiglia delle Cruciferae, o Brassicaceae. Se osservate il fiore di tutti i cavoli, della rucola, delle rape, delle cime di rapa, del rafano, della senape…, avranno queste caratteristiche: 4 petali disposti a croce.

immagine

Carciofi: infiorescenze in boccio

I carciofi sono grossi gruppi di fiori, e si mangiano le brattee carnose che formano il bocciolo e proteggono i fiori ancora chiusi. È della stessa famiglia di Dente di Leone (un grosso piscialetto, e infatti come lui ha forti proprietà depurative). Se si lascia maturare troppo il cuore del carciofo diventa immangiabile, si riempie di una specie di paglia pungente, che non è altro che l’inizio dello sviluppo di un grosso soffione. I frutti sono delle piccole noci, chiamate acheni, attaccate a dei piumini (pappi) che le aiutano a distribuirsi grazie al vento.

immagine

Capperi: fiori in boccio

I capperi, che troviamo sia sotto sale, che sotto aceto, quando sbocciano sono degli appariscenti fiori bianchi e rosati. La tradizione popolare indica i capperi sottaceto come calmanti per il mal di stomaco, mentre i boccioli freschi come lassativi. Per chi vive in zone troppo fredde per coltivare i capperi, ci sono diverse alternative: ad esempio, raccogliere i boccioli di tarassaco, calendula, nasturzio e metterli sottaceto. Quelli di calendula e nasturzio sono anche leggermente piccanti e l’aceto in cui stanno in infusione sarà aromatico e buono da utilizzare per condire le insalate.

immagine

Zafferano: gli stimmi (la parte femminile del fiore, che viene fecondata dal polline per dare il frutto)

Questa costosissima spezia si ottiene dai fiori del Crocus sativus, e servono tantissimi di questi fiori per ottenere pochi grammi di prodotto. Un sostituto meno costoso? La polvere ottenuta essiccando e polverizzando i petali dei fiori di secchi di calendula, come facevano gli Antichi Romani, che tra l’altro sono un toccasana per l’apparato digerente.

immagine

Fiori di zucca e di zucchine

Beh, qui c’è poco da spiegare: imbottiti, fritti, o semplicemente saltati in padella e usati per condire la pasta sono buonissimi. Ma se li raccogliamo restiamo senza zucche e zucchini? No, se raccogliamo i fiori maschili: le zucchine hanno fiori maschio e femmina separati, che crescono sulla stessa pianta, quindi basta scegliere i fiori maschili, lasciarne qualcuno per l’impollinazione e lasciare infiori femminili a produrre il frutto. O addirittura impollinare voi il fiore femmina strofinando gli stimmi col polline, e mangiarvi subito il maschio. Come riconoscerli? Beh, il fiore maschio ha uno stelo più sottile e al centro ha gli stami ricoperto di polline. Riconoscete quello femmina perché lo stelo è molto più spesso e ad un certo punto alla base del fiore inizia ad ingrossarsi per produrre la zucchina, mentre gli stimmi sono privi di polline e fatti come in foto.

immagine

Fiori di Nasturzio

Il nasturzio (Tropaeolum majus) è un fiore Originario del Perù, di colore dal giallo, a un bell’arancio carico, al rosso, bello cicciotto, dal sapore di peperone e piccantino. Si mangia crudo in insalata Ed è facile da coltivare, sia in vaso che in terra. I boccioli possono essere preparati come i capperi.

immagine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook