Kapalbhati: la tecnica di respirazione da fare 5 minuti al giorno per disintossicare nel profondo corpo e mente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Possiamo disintossicarci da smog e tossine semplicemente respirando? Sì, con la tecnica yoga kapalbhati pranayama in grado di migliorare la funzione respiratoria ma anche la salute mentale. Basta praticarla solo 5 minuti al giorno. Scopri come praticarla

Integratori 100% naturali

Ora lo sappiamo, vivere in zone molto inquinate può incidere pesantemente sul tasso di mortalità: lo smog può trasformarsi davvero in un veleno potente e invisibile che ci accorcia la vita un giorno alla volta. Quindi, è importante provare a prendersi cura del nostro sistema respiratorio, anche tramite esercizi di respirazione che provengono dalla tradizione yogica. (Leggi anche: Depurati dallo smog…repirando! 3 semplici esercizi da fare a casa per disintossicarti dall’inquinamento)

Una delle numerose tecniche di yoga è la kapalbhati pranayama, una tecnica di respirazione che purifica il nostro organismo e ha effetti positivi anche per la nostra salute mentale. Il termine deriva dal sanscrito, “kapala” significa “cranio” mentre “bhati” significa pulire. “Pranayama” significa proprio “tecnica di respirazione”. Vediamo quali sono i vari step per praticarla.

Come praticare kapalbhati pranayama

La kapalbhati pranayama è conosciuta per i suoi benefici per la mente, il corpo e lo spirito della persona. Fa parte delle shat kriya, ossia le tecniche di purificazione dello yoga. Aiuta nell’elimanazione di tossine dai polmoni e dal cervello, nel rafforzamento dei muscoli addominali e nel miglioramento della digestione.

Questa tecnica di respirazione include un’inalazione lenta e passiva e un’espirazione attiva ed energica, utilizzando soprattutto i muscoli addominali. I vari passaggi che dovete seguire per praticarla sono:

  1. Esercitatevi in un ambiente tranquillo, servendovi di un tappetino da yoga. Sedetevi a gambe incrociate e con la colonna vertebrale eretta.
  2. Poggiate le mani sulle ginocchia e rivolgetele verso l’alto, poi fate toccare la punta degli indici con quella dei pollici, nel classico gesto dello yoga che conoscerete senz’altro.
  3. Chiudete gli occhi, tenete testa e schiena dritte e rilassate le spalle.
  4. Inspirate profondamente, concentrandovi sul vostro ventre.
  5. Espirate, cercando di contrarre la pancia per quanto potete. Lo stomaco si contrae quando espirate e si solleva quando si inspira. L’espirazione deve essere veloce ed emettere un suono sbuffante.
  6. Fate 20 respiri seguendo questa tecnica per 5 o 10 minuti e avrete completato un giro di kapalbhati. Con un po’ di pratica, questo processo diventerà quasi automatico. Potete ripeterlo fino a 5 volte al giorno.

Kapalbhati: i benefici

I benefici principali della tecnica kapalbhati pranayama sono:

  • aiuta a ridurre i livelli di CO2 presenti nel sangue, andando ad aumentare i livelli di ossigeno nel corpo;
  • tramite “l’espirazione attiva e l’inspirazione attiva” si migliora la circolazione del sangue e si allieva lo stress della mente;
  • allena e rafforza i polmoni;
  • rimuove tossine e altri materiali tossici dal corpo;
  • si allena il cervello, migliorando la memoria e la concentrazione, andando anche ad allievare ansia e tensione;
  • può aiutare le persone che soffrono di asma;
  • migliora i problemi digestivi e gastrici;
  • può aiutare con l’insonnia;
  • aiuta nella produzione di endorfine, che migliorano il nostro umore.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti potrebbero interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando di Organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa all'Università La Sapienza, appassionato del web e delle dinamiche del mondo digitale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook