Trombosi venosa: questa bevanda che assumi tutti i giorni potrebbe aumentare il rischio di coaguli di sangue?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un coagulo di sangue nelle vene è estremamente pericoloso per la vita, poiché può causare l’insorgere di una trombosi venosa profonda. Scopriamo i sintomi a cui prestare attenzione e qual è la sostanza molto comune che può favorirne la comparsa

Un coagulo di sangue nella vena, di solito nella gamba, è noto come trombosi venosa profonda e può essere estremamente pericolosa: questo è quanto riportato da uno studio pubblicato su Medicine & Science in Sport & Exercise.

Secondo gli esperti consumare bevande con caffeina potrebbe addirittura aumentare il rischio di un coagulo.

Il motivo? È stato dimostrato che l’assunzione di caffeina aumenta la rigidità arteriosa, che è associata alla coagulazione. Inoltre, questa sostanza rende il sangue più denso, e lo fa scorrere più lentamente nelle vene rispetto alle arterie, può anche favorire la disidratazione che, a sua volta, può aumentare le possibilità di sviluppare un coagulo.

I sintomi della formazione di un coagulo nella gamba includono:

  • dolore lancinante o crampiforme in una gamba (raramente in entrambe le gambe), di solito al polpaccio o alla coscia
  • gonfiore alla gamba (raramente in entrambe le gambe)
  • pelle calda intorno alla zona dolorante
  • pelle arrossata o scura intorno all’area dolorante
  • vene gonfie, dure o doloranti quando le tocchi.

Questi sintomi possono comparire anche nel braccio o nella pancia, a seconda di dove si è formato il coagulo. I principali segni di disidratazione, invece, sono:

  • sensazione di sete
  • urina giallo scuro o dall’odore forte
  • sensazione di stordimento
  • una bocca secca.

Disidratazione significa che il corpo perde più acqua di quella che si assume e senza abbastanza acqua, l’organismo non può funzionare correttamente. L’unico modo per evitare tale situazione è assumere abbastanza liquidi, ma non tutti i fluidi sono uguali poiché alcuni potrebbero essere più idratanti di altri.

Il consiglio è prediligere sempre l’acqua, tisane e frutta, ma anche evitare l’esposizione prolungata al sole durante le giornate più calde.

Leggi anche: Trombosi: quali sono i primi sintomi “sospetti” di un coagulo di sangue da non sottovalutare

Fattori di rischio per lo sviluppo di trombosi venosa profonda

A parte la disidratazione e il sangue denso, questa condizione è più probabile se:

  • si ha più di 60 anni
  • si è in sovrappeso
  • si fuma
  • si ha avuto la trombosi venosa in precedenza
  • si assume la pillola contraccettiva o una terapia ormonale sostitutiva
  • si soffre di cancro o insufficienza cardiaca
  • si hanno le vene varicose
  • si è in dolce attesa.

Fonte: ISS; Medicine & Science in Sport & Exercise; PubMed

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook