Sei mancino? È tutta questione di geni e dell’asimmetria del cervello stando a questo nuovo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio ha scoperto che vi è un legame genetico tra l'essere mancini e alcune asimmetrie nella struttura del cervello

Come mai alcune persone sono mancine? Rimane ancora un mistero, ma nuovi tasselli vengono aggiunti periodicamente dalla ricerca scientifica. Secondo un nuovo studio, i mancini mostrano uno spostamento verso destra dell’asimmetria cerebrale e questo collegamento avrebbe origine genetica.

Avrete sicuramente notato come il mancinismo sia raro (solo il 10% della popolazione ha questa caratteristica). La scienza non ha ancora ben compreso le cause ma una cosa è certa: la manualità, che sia migliore a sinistra o a destra, non deriva direttamente dalle mani. (Leggi anche: Perché solo il 10% di noi è mancino? Cosa ha scoperto la scienza fino ad oggi)

È impossibile dire se una persona è mancina o destrorsa semplicemente guardando le sue mani. Non ci sono infatti differenze evidenti nelle ossa, nei muscoli, nei tendini o nelle altre parti.

Il fatto di utilizzare meglio una mano piuttosto che l’altra deriva dal sistema nervoso centrale, la manualità è infatti una delle tante differenze funzionali sinistra-destra che nascono nel cervello. In particolare, nei mancini, la corteccia motoria nella parte destra del cervello (la parte sinistra del corpo è controllata dalla parte destra del cervello e viceversa) è dominante per il comportamento motorio fine come scrivere con una penna. Al contrario, nei destrimani, la corteccia motoria sinistra è migliore in tali compiti.

La nuova ricerca aggiunge un particolare importante alle conoscenze già acquisite. Si è studiato infatti il legame tra mancinismo e asimmetrie nella struttura cerebrale, esaminando sia le differenze strutturali del cervello tra mancini e destrimani sia il legame genetico tra manualità e struttura cerebrale.

Per fare questo, i ricercatori hanno analizzato i dati di imaging cerebrale di 28.802 destrimani e 3.062 mancini ottenuti dalla biobanca britannica. La UK Biobank è un ampio set di dati psicologici e di neuroimaging ottenuti da volontari nel Regno Unito, disponibile per gli scienziati di tutto il mondo.

Più nello specifico, gli autori dello studio hanno analizzato le asimmetrie nella struttura del cervello (in tutte le aree) nonché la variazione genetica legata alla manualità e alla struttura cerebrale, sovrapponendo poi tutti i dati. Considerato l’ampio campione utilizzato, i ricercatori si mostrano molto sicuri dei risultati ottenuti.

Cosa hanno scoperto? I mancini hanno mostrato uno spostamento verso destra delle asimmetrie strutturali emisferiche della superficie corticale in otto aree cerebrali e uno spostamento verso destra nelle asimmetrie strutturali emisferiche nello spessore corticale in due aree cerebrali. Questo suggerisce che il mancinismo è associato a uno spostamento delle risorse neuronali verso l’emisfero destro dominante motorio.

In una seconda fase, i ricercatori hanno studiato quali fattori genetici erano collegati alle asimmetrie nella struttura del cervello nelle aree che mostravano differenze tra mancini e destrimani. Hanno scoperto che per due regioni del cervello, l’aumento della disposizione genetica per il mancinismo era significativamente associata a uno spostamento verso destra delle asimmetrie cerebrali, suggerendo un legame genetico tra il mancinismo e le asimmetrie nella struttura del cervello.

I risultati dello studio sono stati pubblicati su Biorxiv ma la ricerca deve essere ancora sottoposta a peer review.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Biorxiv

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook