Forse non lo sai, ma se mangi questi cibi dovresti aspettare almeno 30 minuti prima di lavarti i denti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lavare i denti è fondamentale ma altrettanto importante è farlo correttamente. Forse non sapete che sarebbe meglio non spazzolare i denti subito dopo aver mangiato alcune tipologie di cibi o bevande

Ecco il carrello smart per la spesa

Lavare i denti è una routine che fa parte della quotidianità di ciascuno di noi. L’ideale sarebbe pulire denti e gengive con uno spazzolino idoneo due volte al giorno, dopo colazione e cena, ma ancora meglio è aggiungere un lavaggio anche post pranzo (quando possibile).

Sono poche le persone che sanno però che, nel caso si consumino alcune tipologie di cibi o bevande, sarebbe consigliato aspettare circa 30 minuti prima di lavare i denti, per evitare che questa pratica igienica diventi controproducente.

Di che cibi si tratta? Di tutti quelli che contengono acidi, come ad esempio gli agrumi, i pomodori ma anche le bibite gassate. Questi, infatti, attaccano lo smalto dei denti e lo indeboliscono. Se quindi noi andiamo subito dopo a spazzolare rischiamo di peggiorare la situazione, facilitando la penetrazione degli acidi contenuti nel cibo.

Lo stesso vale per il caffè, che tra l’altro è una bevanda molto pigmentata che rischia di macchiare i denti (ma non per questo subito dopo averla bevuta dobbiamo correre a lavarli).

Cosa fare allora? La soluzione non è privarci di agrumi o caffè ma prestare attenzione e aspettare 30 minuti dopo aver consumato cibi o bevande acide prima di procedere al lavaggio dei denti. Questo è il tempo utile per fare in modo che il pH della bocca si stabilizzi grazie all’azione della saliva.

Se proprio non abbiamo la possibilità di attendere, possiamo però almeno prima sciacquare bene la bocca con abbondante acqua o servirci di un collutorio.

Esiste anche uno studio in merito, condotto dal team del dottor Thomas Attin, direttore del Dipartimento di Odontoiatria Operativa, Odontoiatria Preventiva e Parodontologia dell’Università di Göttingen in Germania. Questo ha monitorato cosa succedeva a chi si lavava i denti (o meglio una protesi removibile utilizzata per l’esperimento) subito dopo aver consumato bevande gassate.

Si è visto così che si perdeva meno smalto quando i soggetti aspettavano da 30 minuti a un’ora prima di spazzolare le protesi rispetto a quando la pulizia avveniva entro mezz’ora.

Gli esperti comunque concordano sul fatto che è possibile procurare danni seri allo smalto dei denti solo nel caso si faccia un abuso di cibi o bevande acide. Insomma i rischi, come sempre, sono maggiori in caso di abitudini sbagliate portate avanti per molto tempo.

Non tutti i dentisti, tra l’altro, sono concordi sull’idea di aspettare così tanto tempo prima di lavare i denti, anche dopo aver consumato sostanze acide. Come scrive ad esempio il dottor Giovanni Vergiati su un forum di dentisti:

L’igiene orale domiciliare è fondamentale per la durata dei denti; aspettare trenta minuti mi sembra troppo perché si da il tempo alla placca di formarsi in ambiente più acido del solito (se si sono mangiati molti agrumi).

Per ogni dubbio o perplessità, comunque, fate sempre riferimento al vostro dentista di fiducia.

Un ultimo consiglio utile

Un altro consiglio utile fornito dai dentisti nel caso si consumino bevande acide, come può essere una spremuta d’arancia ma anche la classica acqua e limone mattutina, è quello di utilizzare una cannuccia. Questa evita che gli acidi si depositino sui denti andando ad intaccare lo smalto.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Studio dentistico Dieffe / Dentisti Italia / JADA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook