Infarti: così edulcoranti e dolcificanti per sostituire lo zucchero aumentano i rischi di ictus e attacchi di cuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha analizzato il legame tra consumo di dolcificanti artificiali, come sucralosio e acesulfame, e malattie cardiache, come ictus e infarto. I dati hanno confermato la possibile connessione tra l’assunzione di edulcoranti e il rischio di queste condizioni di salute

Integratori 100% naturali

I ricercatori della Sorbona Paris Nord University hanno scoperto che il consumo di dolcificanti artificiali è collegato a un rischio maggiore, di quasi il 20%, di condizioni che influenzano il flusso sanguigno al cervello.

Lo studio ha esaminato l’assunzione da parte dei partecipanti di dolcificanti da tutte le fonti dietetiche, comprese bevande e latticini.

I ricercatori hanno utilizzato più di 100.000 adulti francesi per lo studio che è stato pubblicato sul British Medical Journal.

Lo studio

I partecipanti avevano un’età media di 42 anni, e quattro su cinque erano donne.

I ricercatori hanno monitorato l’assunzione di dolcificanti utilizzando i registri della dieta.

I partecipanti hanno annotato tutto ciò che hanno mangiato, incluso quale marca è stata utilizzata, per 24 ore, attraverso la compilazione di un diario dietetico ripetuto tre volte a intervalli di sei mesi, due nei giorni feriali e una nel fine settimana.

Circa il 37% dei partecipanti ha consumato dolcificanti artificiali.

Durante un periodo medio di follow-up di nove anni, i partecipanti hanno registrato 1.502 eventi cardiovascolari.

Questi includevano attacchi di cuore, ictus, attacchi ischemici transitori (noti anche come mini ictus) e angina – dolore toracico legato a uno scarso flusso sanguigno ai muscoli cardiaci.

I ricercatori hanno scoperto che il consumo di dolcificanti artificiali era collegato a un rischio maggiore del 9% di malattie cardiache.

Quando hanno esaminato in modo specifico ogni tipo di malattia, hanno scoperto che il consumo di dolcificanti artificiali era collegato a un rischio maggiore del 18% di malattie cerebrovascolari.

Un tipo specifico di dolcificante – l’aspartame – era associato a un aumento del 17% del rischio di eventi cerebrovascolari, mentre l’acesulfame potassio e il sucralosio erano associati a un aumento del rischio di malattia coronarica.

I risultati suggeriscono che i dolcificanti artificiali potrebbero rappresentare un fattore di rischio modificabile per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

C’è da dire che, studi osservazionali come questo possono solo mostrare un’associazione, ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i legami tra i dolcificanti artificiali e il rischio di sviluppare malattie cardiache e problemi di circolazione.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: BMJ

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook