Questo frutto esotico può avere effetti pericolosissimi sulla glicemia (e sui bambini) se consumato a stomaco vuoto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I litchi sono frutti esotici asiatici che possono essere pericolosi e avere conseguenze negative per la glicemia quando sono consumati acerbi o a stomaco vuoto. Vediamo il perché.

Hai mai sentito parlare dei litchi? Frutto esotico tipico della Cina e del sud-est asiatico, i litchi sono caratterizzati da una polpa bianca, delicata e profumata e da una buccia rosa o rossa che non è commestibile però facilmente rimuovibile. Tuttavia, i litchi possono avere effetti pericolosi soprattutto sui bambini, poiché contengono una tipologia di aminoacidi che possono influenzare severamente i livelli di glicemia nel sangue. Vediamo il perché più in dettaglio.

Perché i litchi possono essere pericolosi?

La medicina tradizionale cinese già sapeva dei rischi a cui potevi incorrere mangiando questo frutto ed era abitudine mangiare i litchi solo a stomaco pieno. Mangiandoli a stomaco vuoto, infatti, si verificavano gravi problemi di salute a causa della presenza di tossine, come la metileniclopropilglicina (MCPG) e la ipoglicina A, che possono drasticamente abbassare il livello di zucchero nel sangue, fino a creare nei bambini un pericolo di morte per encefalopatia, in particolare se sono malnutriti ed il frutto non è ben maturo. Più i frutti sono acerbi, più sono pericolosi. (Leggi anche: Encelopatia ipoglicemica causata dai litchi: cos’è e perché uccide i bambini nei Paesi asiatici)

Come riporta la rivista scientifica The Lancet, in India moltissimi bambini sono morti a causa dell’ingestione di litchi poiché non assumevano abbastanza cibo e mangiavano molti litchi nella stagione del raccolto. Basti pensare che solo nel giugno del 2019, sono state riportate 150 giovani vittime nella regione settentrionale del Bihar.

L’effetto negativo principale consumo di grandi quantità di frutti acerbi di litchi è una severa ipoglicemia, aggravata dal digiuno, che danneggia il cervello. Questa malattia è nota come encefalopatia ipoglicemica caratterizzata convulsioni e coma e conduce a morte nel 40% dei casi.

Dovremmo smettere di mangiare questo frutto?

Se hai problemi di glicemia, sarebbe meglio consumare questo frutto con parsimonia anche perché non è assolutamente adatto nel sostituire un pasto, per perdere peso o per chi è vegano o fruttariano. In caso di problemi improvvisi di salute dopo aver consumato questi frutti, vai immediatamente all’ospedale per una correzione rapida della glicemia.

Il modo più semplici per consumarli è quindi goderseli a fine pasto quando sei già sazio.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: The Lancet

Ti potrebbero interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando di Organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa all'Università La Sapienza, appassionato del web e delle dinamiche del mondo digitale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook