Helsinki elimina carne e latte vaccino dai suoi eventi ufficiali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La capitale finlandese sceglie di eliminare carne e derivati dai menu degli eventi pubblici a partire dal prossimo gennaio

Ecco il carrello smart per la spesa

La capitale finlandese sceglie di eliminare carne e derivati dai menu degli eventi pubblici a partire dal prossimo gennaio. Ma non sono mancate critiche a questa decisione

A partire dal prossimo gennaio, l’amministrazione comunale di Helsinki dice addio a carne e prodotti caseari nei menù degli eventi ufficiali: al loro posto, pesce proveniente da pesca locale e responsabile, frutta e verdura di stagione e a filiera corta – in nome della sostenibilità e del contrasto al cambiamento climatico; per quanto riguarda alimenti provenienti da paesi lontani, come caffè o cioccolata, si prediligeranno prodotti del commercio equo e solidale. Ma non solo, anche le stoviglie usa e getta saranno del tutto abolite nelle occasioni pubblici, come anche le bottiglie in plastica (le bevande saranno versate dalle brocche). Inoltre, saranno prese in maggiore considerazione diete e particolari esigenze alimentari dei partecipanti agli eventi pubblici, e tutti saranno obbligati a prenotazione vincolante per ridurre al minimo lo spreco alimentare.

Le industrie e le imprese della città ospitano un’ampia varietà di incontri, seminari, workshop ed eventi pubblici che includono il catering – si legge sul sito del comune. – L’obiettivo di Helsinki è garantire che le questioni ambientali siano prese in maggiore considerazione nella ristorazione.

Questa misura rientra nella tabella di marcia per l’economia circolare e di distribuzione che l’amministrazione comunale della città sta seguendo per ridurre l’impatto climatico del cibo e l’inquinamento. Già qualche anno fa, nel febbraio del 2019, il consiglio comunale di Helsinki aveva disposto il dimezzamento nell’uso di prodotti lattiero-caseari e carne nei servizi di ristorazione forniti dalla città entro il 2025, per sostenere l’obiettivo di riduzione delle emissioni inquinanti della città; anche l’abolizione delle stoviglie monouso, che producono ingenti quantità di rifiuti, si muove in questa direzione. Oltre alla tutela dell’ambiente, la città si impegna anche dal punto di vista economico e sociale: a partire dal 2013, infatti, si è inserita nel circuito del commercio equo e solidale per l’approvvigionamento di prodotti alimentari sostenibili e etici dal punto di vista del capitale umano.

Una virata “green”, quella della capitale finlandese, che tuttavia ha fatto storcere il naso a qualcuno: Juha Marttila, presidente dell’Unione centrale dei produttori agricoli e dei proprietari forestali (MTK), accusa il governo cittadino di green-washing alla luce della politica energetica della capitale finlandese. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: City of Helsinki

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook