Integratori prebiotici: cosa succede al corpo delle donne dopo 4 settimane di assunzione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha dimostrato come il consumo di integratori prebiotici possa aiutare a fare scelte alimentari migliori

Una recente ricerca ha dimostrato come il consumo di integratori prebiotici possa aiutare a fare scelte alimentari migliori

Un nuovo studio sugli integratori prebiotici e sui loro effetti sulle donne ha rilevato come i soggetti che, durante l’esperimento, assumevano questo tipo di integratore tendevano a fare scelte alimentari molto più salutari e, soprattutto, consumavano meno zucchero. (Leggi anche: Integratori prebiotici, cosa succede all’ansia e al tuo umore se li consumi ogni giorno)

Durante gli esperimenti, sono stati usati integratori a base di prebiotici galatto-oligosaccaridi (GOS), che contengono batteri “buoni” per l’intestino. Nello studio, durato circa 28 giorni, sono state coinvolte 48 donne sane di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Sono state divise in due gruppi, una metà doveva assumere gli integratori prebiotici, l’altra metà un placebo. Alla fine i ricercatori hanno raccolto anche campioni di feci, per analizzare il microbioma intestinale. I risultati hanno mostrato che le partecipanti che avevano assunto gli integratori consumavano in media il 4,1% in meno di zucchero, assumevano in media il 4,3% in meno di calorie provenienti da carboidrati, e il 4,2% in più di energia dai grassi. Le analisi delle feci, invece, hanno rilevato che i soggetti che avevano consumato gli integratori avevano un microbioma intestinale con livelli più alti di bifidobatteri.

Quindi, aumentare i batteri benefici tramite l’utilizzo di probiotici può migliorare il benessere generale, può aiutare a mangiare meglio e a ridurre l’ansia. I prebiotici galatto-oligosaccaridi, inoltre, aumentano i batteri buoni nell’intestino e questo può influenzare in meglio anche il benessere psicologico, che a sua volta ci porta a fare scelte alimentari migliori e a ridurre il consumo di cibi processati e troppo ricchi di zuccheri.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: MDPI

Ti potrebbe interessare:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook