Colesterolo: attenzione a questi integratori “naturali” che possono diventare pericolosi anche a dosi più basse di quel che si pensasse

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'Efsa abassa i limiti di sicurezza per un integratore di origine naturale usato da molte persone tutti i giorni per il colesterolo alto

Per combattere il colesterolo ci sono molti modi, uno di questi è usando degli integratori alimentari. Arriva, però, una rettifica da parte dell’Unione Europea sull’uso di uno in particolare, che già in passato ha dimostrato di poter essere dannoso.

Il colesterolo alto è un problema che colpisce molte persone al giorno d’oggi. Fare attività fisica e seguire una dieta regolare sono metodi ottimi per abbassare i livelli. Tuttavia, non sono sempre le scelte più apprezzate, e spesso si associa – o si usa esclusivamente – un integratore alimentare per abbassare il colesterolo.

Tra tutte le alternative in commercio, ce n’è una che ha attratto un grande favore dal pubblico dei consumatori. Gli integratori a base di riso rosso fermentato, infatti, contengono una molecola, le monacoline, che possono ridurre di molto il livello di colesterolo nel sangue. (Riso rosso fermentato: l’Ue conferma i pericolosi effetti collaterali degli integratori per il colesterolo)

Ciò nonostante, un uso elevato di questo integratore, secondo l’Efsa (European Food Safety Authority) può rivelarsi dannoso per:

  • danni al tessuto muscolare
  • tossicità epatica
  • disturbi del sistema nervoso
  • problemi gastrointestinali
  • disturbi cutanei e sottocutanei
  • interazioni farmacologiche

Il nuovo regolamento arriva proprio per rendere molto più stringente la normativa a riguardo. Siccome questo tipo di integratore è disponibile liberamente in commercio – in altre parole, può essere acquistato senza ricetta – abusarne è un rischio concentro e le autorità mediche hanno provato ad arginare queste problematiche a monte.

Da adesso in poi, il massimo di monacoline, specialmente le monacoline K, sarà 3mg per dose giornaliera. La confezione di questi integratori dovrà riportare chiaramente il dosaggio e i rischi compresi da un uso eccessivo di questi integratori.

Una presa di posizione così forte da parte delle autorità europee deve farci riflettere: anche se questo integratore è completamente naturale, il suo potenziale dannoso è davvero molto alto. Questo dovrebbe spingerci a fare sempre molta attenzione quando si usano tutti i tipi di prodotti che vanno ad agire direttamente sulla nostra salute corporea.

Una buona misura nell’utilizzo di queste soluzioni alternative è sempre il metodo migliore per evitare spiacevoli inconvenienti.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook