C’è un’epidemia silenziosa in Europa che sta colpendo quasi il 60% della popolazione, l’allarme dell’OMS

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Europa l’obesità sta raggiungendo tassi preoccupanti, anche fra i più piccoli. Secondo l'Oms si tratta di un'epidemia da combattere al più presto, visto che ogni anno causa 1,2 milioni di morti.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

È allarme obesità in Europa. Nel Vecchio Continente la situazione non è molto più rosea rispetto agli Stati Uniti. A rivelarlo il nuovo report appena pubblicato dall’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), che conferma che il tasso di obesità ha raggiunto “proporzioni epidemiche”.

Sul territorio europeo circa il 60% degli adulti è in sovrappeso o obeso: i livelli più alti si registrano fra gli uomini (63%), mentre il numero di donne con problemi di peso è leggermente minore (54%). Ma il preoccupante fenomeno interessa anche i più piccoli: infatti, quasi 1 bambino su 3 che vive in Europa soffre di obesità o è in sovrappeso. Tutto ciò ha delle gravi ripercussioni da non trascurare sulla salute della popolazione europea.

“L’aumento dell’indice di massa corporea è un importante fattore di rischio per le malattie, inclusi il cancro e quelle cardiovascolari” ha dichiarato il direttore dell’OMS per l’Europa Hans Kluge.

Secondo l’OMS, il sovrappeso e l’obesità è una delle principali cause di disabilità e provoca oltre 1,2 milioni di morti l’anno, pari al 13% dei decessi nel continente. Un numero che fa accapponare la pelle e invita ad una seria riflessione.

La situazione in Italia

Ma quali sono i Paesi in cui si registrano i tassi più elevati di obesità e sovrappeso? Secondo quanto riportato dall’OMS, a destare maggiore preoccupazione sono le nazioni che si affacciano sul Mediterraneo e quelle dell’Europa orientale.

Le disuguaglianze educative sono diffuse, con una maggiore prevalenza di obesità nelle persone che hanno un livello di istruzione inferiore – si legge nel report – Inoltre, l’analisi di genere mostra che nella regione europea le disuguaglianze nei livelli di sovrappeso e obesità tra uomini e donne sono diffusi ed eterogenei e legati a fattori socioeconomici come reddito, istruzione, lavoro e luogo di residenza.

obesita europa

©OMS

Come siamo messi in Italia? Nella nostra nazione fra gli adulti i tassi di obesità e sovrappeso si attestano al 65,3% per i maschi e al 51% per le donne e sono in linea con la media europea. Mentre la situazione relativa ai bambini è decisamente più inquietante: i minori di età compresa tra i 5 e i 9 anni che soffrono di obesità o sovrappeso sono circa il 42% (44,7 i maschi e 39,2 le femmine). E si tratta di un triste primato nel Vecchio Continente, in cui la media si attesta intorno al 29%. Per quanto riguarda l’obesità, il tasso fra i più piccoli è del 17%, un dato allarmante che condividiamo con la popolazione greca.

L’obesità fra le principali cause di morte in Europa

Come anticipato, sovrappeso e obesità sono al quarto posto come fattore di rischio di morte, dopo l’ipertensione, i rischi alimentari e il tabacco. E, secondo l’OMS, nei prossimi decenni potrebbe superare addirittura il tabagismo come principale fattore di rischio per l’insorgenza dei tumori. Come chiarito nel report, questa condizione è associata a 13 diversi tipi di cancro e va curata e gestita in maniera urgente.

Il rapporto si concentra inoltre sui rischi dell’obesità nei pazienti affetti da Covid-19. Lo scoppio della pandemia, infatti, ha reso il problema dell’obesità ancora più grave.

I soggetti obesi hanno maggiori probabilità di avere complicazioni e morte a causa del virus e molti di questi pazienti hanno subito interruzioni nell’accesso ai servizi di gestione dell’obesità. – sottolinea l’OMS – I dati preliminari suggeriscono anche che durante l’attuale pandemia, le persone sono state più esposte ai fattori di rischio dell’obesità, inclusa la sedentarietà e il consumo di cibi malsani.

Le raccomandazioni dell’OMS per combattere l’obesità

Per tutelare la popolazione europea e ridurre i rischi di sviluppare gravi malattie l’obesità va combattuta con strategie mirate, spingendo le persone a cambiare stile di vita e a consumare cibi più sani.

L’obesità è influenzata dall’ambiente, quindi è importante guardare a questo problema dalla prospettiva di ogni fase della vita. Ad esempio, la vita di bambini e adolescenti è influenzata dagli ambienti digitali, compreso il marketing di cibi e bevande malsani – commenta il dottor Kremlin Wickramasinghe, capo ad interim dell’Ufficio europeo dell’OMS per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili, uno degli autori del report sull’obesità 2022. – Abbiamo imparato nel tempo che una singola politica non funzionerà. Per avere successo come Paese o Regione, abbiamo bisogno di un pacchetto completo di interventi. Nessun singolo Paese è stato in grado di introdurre tutte queste politiche contemporaneamente. È importante dare la priorità a 2 o 3 politiche da implementare ora e avere un piano fattibile per introdurre il resto degli interventi.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: OMS

Sull’obesità ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook