L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di ammalarsi di Covid, la conferma in uno studio italiano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Del rapporto tra inquinamento e Covid-19 si è parlato diverse volte, noi di greenMe eravamo stati tra i primi a segnalare un possibile collegamento. Ora un nuovo studio conferma quanto già evidenziato da ricerche precedenti: un’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico è in grado di aumentare il rischio di infezione da coronavirus.

Il nuovo studio, condotto da Epimed (Centro di Epidemiologia e medicina preventiva dell’Università dell’Insubria) e pubblicato su Occupational & Environmental Medicine, ha preso a campione la popolazione adulta della città di Varese.

62.848 persone sono state monitorate da inizio pandemia (febbraio 2020) fino a marzo 2021 con l’obiettivo di indagare l’associazione tra esposizione a lungo termine agli inquinanti atmosferici e incidenza di SARS-CoV-2.

Per poter analizzare gli effetti dell’inquinamento sulla pandemia è stato necessario ottenere diversi dati, uno sforzo che ha coinvolto l’Università di Varese ma anche quella di Como e Cagliari oltre che l’Osservatorio Epidemiologico di Regione Lombardia, l’Agenzia regionale Aria e la società privata Arianet per i dati relativi all’esposizione ambientale sul lungo periodo.

Cosa è emerso? Dopo aver preso in considerazione dati clinici e demografici che aumentano il rischio di infezione da SARS-COV2, si è evidenziato un aumento del 5% nel tasso di infezione per incremento di 1 microgrammo/metrocubo di PM2.5 (a livello medio annuo), il che corrisponde a 294 positivi in più ogni 100mila abitanti per anno.

Nelle conclusioni dello studio si legge che:

L’esposizione a lungo termine a bassi livelli di inquinanti atmosferici, in particolare PM 2,5 , ha aumentato l’incidenza di COVID-19. La causalità merita conferma in studi futuri; nel frattempo, gli sforzi del governo per ridurre ulteriormente l’inquinamento atmosferico dovrebbero continuare.

Così ha commentato i risultati Marco Ferrario, autore principale dello studio:

È noto che l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di malattie respiratorie e cardiovascolari, attraverso l’infiammazione persistente e compromissione dell’immunità. Presumibilmente, gli stessi percorsi sono coinvolti nel legame tra inquinamento atmosferico ed incremento nei tassi di infezione da Covid-19. I nostri risultati da soli non sono in grado di stabilire il nesso di causa-effetto, ma forniscono la prima solida prova empirica in merito al legame finora solo ipotizzato che collega l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico con l’incidenza di Covid-19.

Gli scienziati hanno già annunciato che la ricerca non si ferma e lo stesso team è a lavoro per aggiungere dettagli importanti alle conoscenze acquisite. Si è infatti esteso lo studio a tutta la provincia di Varese per l’anno 2021, aggiungendo anche tra i dati di cui tenere conto le ospedalizzazioni e i decessi per Covid-19.

Come dicevamo, però, questo non è certo il primo studio che ha trovato prove del legame tra maggior rischio Covid ed esposizione prolungata ad inquinamento atmosferico. Vi avevamo ad esempio parlato dello studio dell’Università di Catania del marzo 2021 e di quello opera degli scienziati Mauro Minelli e Antonella Mattei, pubblicato sull’International Journal of Enviromental Research and Public Health. (Leggi anche: “Sono le polveri sottili a influire sui contagi”: nuovo studio associa ufficialmente il PM2.5 alla diffusione del Covid)

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Occupational & Environmental Medicine

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook