Covid, ecco come ti cambia il cervello: il primo grande studio sugli effetti neurologici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una recente ricerca i pazienti che hanno contratto l'infezione da Covid-19 possono avere ripercussione a livello neurologico, poiché alcune zone del cervello dopo la malattia tendono a ridursi.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

L’infezione da Covid può restringere parti del cervello e portare al declino cognitivo, questo è quanto è emerso da uno degli studi più grandi sugli effetti neurologici dell’infezione da covid. (Leggi anche: Il Covid sta causando disturbi post traumatici nelle persone al pari di una catastrofe naturale, lo studio tutto italiano)

Lo studio

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno esaminato due scansioni cerebrali di 785 persone, di età compresa tra i 51 e gli 81 anni. Più della metà (401 partecipanti) era risultata positiva al virus circa cinque mesi prima della seconda scansione.

I risultati hanno mostrato che i pazienti Covid hanno perso circa l’1,8% di un’area del cervello legata all’olfatto, rispetto a quelli che non hanno contratto il virus. C’è stata anche una riduzione extra dello 0,8% in un’altra regione del cervello, che è collegata alla coordinazione dell’attività muscolare.

Inoltre, quando ai partecipanti sono stati consegnati i test cognitivi, i pazienti Covid hanno impiegato più tempo per completarli e hanno registrato anche punteggi medi più bassi.

Gli scienziati hanno affermato che la riduzione è stata più pronunciata tra le persone anziane, e i 15 pazienti ricoverati in ospedale con la malattia. Ma hanno aggiunto che i cali sono stati evidenti anche nei pazienti che avevano sviluppato un’infezione da lieve a moderata, e addirittura in quelli risultati asintomatici.

Il dottor Max Taquet, ricercatore senior del NIHR Oxford Health BRC presso l’Università di Oxford, ha dichiarato:

Questo è il primo studio su larga scala ad analizzare i cambiamenti effettivi nel cervello che possono verificarsi dopo un’infezione da Covid-19. È risaputo che l’infezione da Covid-19 è associata a successivi rischi di problemi neurologici e psichiatrici in alcune persone, tra cui nebbia cerebrale, perdita del gusto e dell’olfatto, depressione e psicosi.

Ma perché ciò avviene rimane in gran parte sconosciuto e, soprattutto, i ricercatori non sanno se i cambiamenti siano reversibili o se siano davvero importanti per la salute e il benessere della persona. Questo studio, però, inizia a far luce su questa importante questione, mostrando che le regioni cerebrali collegate al “centro dell’olfatto” del cervello possono ridursi dopo il Covid-19 in alcune persone.

La perdita più significativa di materia grigia è stata nelle aree olfattive, ma non è chiaro se il virus attacchi direttamente questa regione o se le cellule muoiono semplicemente per inutilizzo dopo che le persone con Covid hanno perso l’olfatto. Inoltre, non è chiaro se tutte le varianti causino questo danno.

Le scansioni sono state eseguite quando il virus originale e la variante Alfa erano prevalenti, e la perdita dell’olfatto e del gusto era uno dei sintomi principali della malattia; ma il numero di persone infette dalla recente variante di Omicron che hanno segnalato questo sintomo è diminuito drasticamente.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Nature

Sul Covid ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook