Maru Nichio, la nave cargo di Nissan coi pannelli fotovoltaici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le navi cargo sono una delle principali fonti di emissioni di CO2, in tutto il mondo. Ma come fare a renderle più green? Un tentativo in questa direzione è stato fatto da Nissan che ha creato Maru Nichio, una nave dedicata al trasporto di auto, che ha iniziato il suo viaggio inaugurale lo scorso 7 gennaio. Cos’ha di speciale? È la prima nave cargo costiera giapponese ad avere i pannelli solari a bordo.

Ma a ridurre l’impatto ambientale della nave che trasporterà le Nissan Leaf non è solo l’utilizzo del fotovoltaico. Sul cargo troviamo infatti illuminazione a led, un rivestimento dello scafo che favorisce un basso attrito e di conseguenza una minore quantità di energia necessaria agli spostamenti, e infine un motore diesel a controllo elettronico, che riduce in maniera intelligente il consumo di carburante, con una velocità operativa di 21.2 nodi (24,5 mph/39 km/h).

Le dimensioni della nave, poi, non sono da trascurare visto che si parla di 169,95 m di lunghezza e di 26 m di larghezza. Secondo Nissan, rispetto agli attuali vettori dello stesso tipo, queste caratteristiche permettono a Maru Nichio di ottenere una riduzione di carburante pari a 1.400 tonnellate annue.

Volete sapere cosa significa? In termini di CO2, il risparmio del carburante si traduce in una riduzione annua delle emissioni inquinanti pari a 4.200 tonnellate. Provate ad immaginare quanto inquinamento potremmo evitare se tutte le navi utilizzassero sistemi e accortezze di questo tipo.

La nave cargo Maru Nichio può inoltre trasportare fino a 1.380 auto e opererà sulla rotta marittima principale tra le regioni di Kanto (Oppama), Kinki (Kobe) e Kyushu (Kanda), facendo due viaggi ogni settimana.

Il cargo fa parte del piano a medio termine di Nissan sull’ambiente, il Nissan Green Program 2016, che prevede anche il trasporto a basso impatto ambientale delle Nissan Leaf. “Questa è la prima nave ad avere pannelli fotovoltaici. Insieme all’illuminazione a LED su questa nave, puntiamo a creare un vettore a basso consumo energeticoha spiegato Tomohiko Uchiyama, presidente della Nitto Kaiun Corporation. “E, soprattutto, se usiamo i pannelli solari, possiamo ridurre le emissioni di CO2 perché non abbiamo bisogno di usare l’olio per il funzionamento del generatore. Già solo per questo aspetto, possiamo dire che l’introduzione di questa nave è un successo “.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook