Wind Explorer: il giro dell’Australia con l’auto elettrica ad energia eolica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo sviluppo delle nuove tecnologie eco friendly per le auto passa, curiosamente, attraverso degli esperimenti che riportano i protagonisti indietro di più di un secolo. A quando, cioè, per dimostrare la resistenza e l’affidabilità delle automobili della Belle Epoque il metodo migliore consisteva nell’affrontare lunghi e impegnativi viaggi. Così, ecco come viene sperimentato un autoveicolo funzionante a energia elettrica, e alimentato dall’energia eolica.

In questi giorni, un equipaggio formato dai tedeschi Dirk Gion e Stefan Simmerer ha portato a termine un raid di 5 mila km, che in 18 giorni ha portato questi due pionieri della mobilità a zero emissioni e a lungo raggio attraverso l’Australia.

wind-explorer-7

Un’impresa che ha fatto conquistare all’equipaggio e alla Wind Explorer (questo il nome dato alla vettura) tre record: la prima volta che un intero continente è stato attraversato da un veicolo alimentato dalla forza del vento, la distanza più lunga mai coperta su terra da questo tipo di alimentazione in assoluto, e sulle 36 ore.

La vettura, realizzata con l’obiettivo del massimo contenimento dei pesi, è una “tre ruote” che pesa solamente 200 kg, batterie al litio comprese. Sopra un telaio di alluminio, al quale sono collegate delle ruote da bicicletta per minimizzare il dispendio energetico, è stata realizzata una struttura esterna in fibra di carbonio.

wind-explorer-2

Per la ricarica delle batterie da 8 kWh, condizioni meteo permettendo, è stata utilizzata una turbina eolica a tre pale sistemata a sei metri di altezza, sulla sommità di un sostegno telescopico in bambù. In alternativa, le batterie potevano essere ricaricate attraverso la normale corrente elettrica. A conti fatti, rivelano i due componenti dell’equipaggio, la spesa per l’energia è stata di 15 dollari appena. Niente male, per un tour di 5 mila km.

Il viaggio, partito il 26 gennaio da Albany, la località più a sud dell’Australia occidentale, si è concluso a Sydney il 14 febbraio, attraverso gli Stati del Western Australia, South Australia, Victoria e New South Wales.

wind-explorer-1

La velocità massima raggiunta dal Wind Explorer è stata di 80 km/h, l’autonomia più elevata è stata di 493 km.

Piergiorgio Pescarolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook