Pneumatici dagli scarti del riso. Fanno risparmiare anche sul carburante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scarti del riso potrebbero essere trasformati in pneumatici. Parola di Goodyear. Da tempo al lavoro su questo fronte, la società ha messo a punto uno speciale battistrada in grado, addirittura, di ridurre il consumo di carburante. In questo modo, non solo i rifiuti tornerebbero a nuova vita, ma aiuterebbero anche a risparmiare.

Altrimenti diretti verso le discariche, le bucce di riso stanno dunque aiutando The Goodyear Tire & Rubber Company a produrre pneumatici a basso consumo. A settembre la società ha annunciato di aver fatto ulteriori passi avanti sfruttando una componente particolare: la lolla di riso, un sottoprodotto derivante della lavorazione dei cereali. Le sue ceneri, costituite quasi interamente da ossido di silicio, si aggirano intorno al 17%.

Da questo materiale, la società ha prodotto il silicio, testandolo negli ultimi due anni presso il suo Centro di Innovazione e scoprendo che il suo impatto sulle prestazioni è pari a quello dei materiali ottenuti tradizionalmente.

L’uso di cenere di lolla di riso fornirà a Goodyear una fonte alternativa di silice, contribuendo a ridurre la quantità di rifiuti costituiti dalle bucce di riso inviate in discarica”, ha detto Joseph Zekoski, Chief Technical Officer della società.

Ogni anno, vengono raccolte in tutto il mondo più di 700 milioni di tonnellate di riso, secondo le Nazioni Unite, e lo smaltimento della lolla di riso è una sfida ambientale. Spesso i gusci vengono bruciati per generare elettricità e ridurre la quantità di rifiuti spediti alle discariche.

Ma la silice ricavata dalla lolla di riso, mescolata con la gomma, permette di aumentarne la forza e contribuisce a ridurne la resistenza al rotolamento delle gomme, migliorando, così, il risparmio di carburante.

Gli sforzi di innovazione di Goodyear sono focalizzati sulla produzione di pneumatici più rispettosi dell’ambiente -sia per il materiale che per le prestazioni e il processo di produzione”, ha detto Zekoski. Ma soprattutto, rivela, si cerca di guardare alle risorse rinnovabili, tra cui l‘olio di soia per sostituire i materiali a base di petrolio contenuti negli pneumatici.

Al momento Goodyear sta negoziando con potenziali fornitori per l’acquisto di cenere di lolla di riso.

Ma non si tratta dell’unica soluzione di questo tipo. Due anni fa la società olandese KeyGene ha ideato un sistema per trasformare la pianta del tarassaco in gomma, sfruttando il liquido lattiginoso presente nelle radici del dente di leone.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

PFUZero: la mappa di EcoTyre per segnalare gli pneumatici abbandonati (VIDEO)

Gli pneumatici saranno prodotti col tarassaco?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook