Auto a idrogeno: il pieno con i rifiuti umani diventa realta’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I residenti di Orange County hanno ora una nuova opzione per fare il pieno alle loro auto: i combustibili creati dai rifiuti umani. È partito, infatti, il progetto sperimentale dell’Università della California che mira a ottenere idrogeno dal metano delle acque reflue.

Il team di scienziati guidato da Jack Brouwer ha realizzato un prototipo del sistema presso l’Orange County Sanitation District grazie a 10 milioni di dollari di finanziamento da fonti quali enti governativi della California e dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. Oggi qui si riesce a produrre abbastanza idrogeno per la fornitura di circa 200 veicoli a celle a combustibile ogni giorno.

I clienti di Brouwer, quindi, sono presto destinati ad aumentare. Hyundai coglie al volo l’opportunità e già prevede di offrire agli abitanti dell’area la Hyundai Tucson Fuel Cell per 499 dollari al mese per un periodo di 36 mesi, con un pagamento di 2,999 dollari iniziale che comprende il rifornimento illimitato e gratuito d’idrogeno.

C’è un forte interesse dei consumatori a guidare il CUV Tucson Fuel Cell. I veicoli a celle a combustibile ad idrogeno rappresentano la prossima generazione della tecnologia dei veicoli a zero emissioni e abbiamo intenzione di essere leader nell’offerta, con l’omologazione federale della Tucson Fuel Cell in produzione di massa rivolta alla clientela finale. La velocità di rifornimento e l’autonomia della nostra Tucson Fuel Cell è superiore alla portata ed ai limiti di carico dei concorrenti veicoli elettrici a batteria. Ancor più, la tecnologia delle celle a combustibile aumentarà sicuramente il tasso di adozione di veicoli a zero emissioni da parte dei clienti, e tutti avranno dei benefici ambientali”, spiega in una nota Michael O’Brien, vice presidente, pianificazione aziendale e di prodotto, Hyundai Motor America.

La Tucson Fuel cell ha un’autonomia di 400-483 km e una capacità di pieno rifornimento di carburante in meno di 10 minuti, come per un’auto a benzina. In più, però, offre una guida a zero emissioni di gas serra ed emette solo vapore acqueo. Il futuro, insomma, è già qui. La produzione per il mercato statunitense inizaerà nel mese di aprile 2014.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Rifiuti organici: 5 progetti per trasformare gli escrementi umani in energia

Urina: sara’ la benzina del futuro?

Energia dall’urina: gli smartphone si ricaricheranno con la pipì

Il generatore elettrico che va a urina inventato da 4 ragazze africane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook