Aspark Owl: l’auto elettrica giapponese che va da 0 a 100 Km/h in 1,92 secondi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una supercar elettrica che va da 0 a 100km/h in meno di 2 secondi. Fatto. E, non sembrerà una novità, è di fattura giapponese. Il suo nome è Aspark Owl, di cui è stato presentato un prototipo dalla potenza di 430 cavalli e un peso di poco inferiore ai 860 chilogrammi.

Lanciata lo scorso anno al Salone di Francoforte, della Aspark – si dice – produrranno solo 50 unità e i clienti dovranno sborsare 3 milioni di sterline (poco meno di 3,5 milioni di euro) per comprarne una.

A concepire l’auto elettrica bolide è una piccola società di ingegneria giapponese che batte decisamente sui tempi la già annunciata Roadster Tesla, la quale però non vedrà gli albori prima del 2020.

aspark copy

Sta di fatto che i giapponesi hanno fatto prima e hanno messo su questa macchinetta alimentata elettricamente da un motore da 436 cavalli e con un peso contenuto di soli 830 kg, che nelle prove ha fermato il cronometro a 1,92 secondi (nel test 0-60 mi/h).

In più, la vettura monta pneumatici Hoosier da competizione preriscaldati, per cui non è concepibile in assetto stradale.

La nostra speranza? Che prototipi simili siano in grado di rendere accattivante il concetto di elettrico anche agli appassionati di motori rombanti e che, come per Tesla, non fungano invece solo da specchietto delle allodole. Modelli più di “massa” in grado di fare la differenza in termini di emissioni saranno presto più alla portata di tutt*?

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook