Scooter elettrico: non essendoci la cilindrata, che patente mi serve per guidarlo?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con quale patente si possono guidare gli scooter elettrici? Sembra una domanda scontata, ma non lo è affatto essendo privi di cilindrata

La ricetta del porridge senza cottura

Hai deciso: vuoi comprare uno scooter elettrico ma non sei sicuro di avere la patente adatta a guidarlo, oppure la devi ancora prendere e non sai quale conseguire. In effetti da quando sono sul mercato, cioè da pochissimi anni a questa parte, in molti si chiedono quale patente appropriata a quel tale modello elettrico e a partire da quale età si può guidare.

Questo perché prima le cose erano un po’ più chiare, visto che gli scooter fino a qualche tempo fa avevano tutti un motore termico con una determinata cilindrata: dai 50 cc (a partire da 14 anni) si passava ai 125 cc (conducibili a partire dai 16 anni), mentre tutti gli scooter o moto di cilindrata superiore ai 125 cc necessitavano invece di almeno 18 anni.

Con gli scooter elettrici, invece, la faccenda si complica un pochino, perché entrano in gioco due parametri. La velocità massima e la potenza. Vediamo intanto come il Codice della Strada classifica moto e scooter, a due o tre ruote.

Scooter elettrici: le categorie

Categoria L1e: sono i veicoli a due ruote la cui velocità massima (qualunque sia il sistema di propulsione) non supera i 45 km/h e la cui potenza è inferiore o uguale a 4 kW. Sono detti “cinquantini” anche gli scooter elettrici di questa categoria, perché questa prevede in caso di motore termico una cilindrata massima di 50 cc;

Categoria L3e: sono i veicoli a due ruote la cui cilindrata del cui motore (se si tratta di motore termico) supera i 50 cc o la cui velocità massima (qualunque sia il sistema di propulsione) supera i 45 km/h;

Quale patente occorre?

Dopo le premesse, andiamo al dunque.

Per guidare uno scooter elettrico di categoria L1e occorre aver compiuto almeno 14 anni di età ed essere in possesso della patente AM e/o superiori.

Per guidare uno scooter elettrico di categoria L3e occorrono le patenti A1 (a partire da 16 anni) per modelli con potenza massima fino a 11 kW, A2 (dai 18 anni di età) per modelli fino a 35 kW oppure la A (detta anche “A3”), che non ha limitazioni di alcun tipo e che quindi consente di guidare scooter e moto elettriche di qualsiasi potenza. Quest’ultima si può conseguire dai 24 anni in su oppure dai 20 se si possiede la patente A2 almeno da due anni.

La patente B (quella per l’auto) abilita alla conduzione di tutte le moto, a patto che questa sia stata conseguita prima dell’1 gennaio 1986, altrimenti è necessario conseguire la patente delle categorie A abilitante alla guida delle diverse categorie sopra descritte.

Da notare che per trasportare un passeggero, sempre che il mezzo sia omologato per due, occorre avere compiuto 18 anni nel caso si sia in possesso delle patenti AM ed A1, ovvero quelle in genere riservate ai minorenni.

Scooter elettrici senza patente

Numerosi messaggi pubblicitari veicolati soprattutto su siti di e-commerce e social network promuovono degli scooter elettrici che è possibile guidare senza patente. Cosa c’è di vero?

In realtà è una trovata di marketing ai limiti della pubblicità ingannevole, perché questi in realtà non sono dei veri e propri scooter elettrici, ma delle biciclette elettriche a pedalata assistita dalle forme che ricordano uno scooter.

LEGGI ANCHE:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureato in Comunicazione all'Università di Siena e giornalista dal 1995, ha un'esperienza pluriennale come redattore automotive. Ha lavorato per riviste, TV e testate online specializzate di diffusione nazionale. Su greenMe.it si occupa di mobilità sostenibile e auto ecologiche

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook