Bonus benzina da 200 euro: come richiederlo. Da oggi taglio delle accise sui carburanti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Rivolto ai lavoratori dipendenti, introduce l'esenzione fiscale fino ad un tetto di 200 euro. Sforbiciata sulle accise: per 30 giorni prezzi calmierati di 25 centesimi

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il “decreto legge Ucraina” che contiene tra le diverse disposizioni alcune misure volte a contrastare i vertiginosi rincari dei carburanti che si sono registrati a partire dallo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina.

Da un paio di settimane infatti i prezzi alla pompa sono schizzati oltre i 2 euro, con punte di poco superiori a 2,50 euro, situazione che sta mettendo in crisi le famiglie (il Codacons parla di una stangata superiore ai 900 euro all’anno), ma anche le aziende e i lavoratori che utilizzano automobili e veicoli commerciali nelle loro attività.

Per calmierare l’impennata dei costi del carburante, che si accompagnano a quelli di luce e gas, il governo Draghi ha varato due misure che interessano i privati.

Ai dipendenti di aziende private che utilizzano mezzi propri per recarsi al lavoro e ricevono dal datore di lavoro i buoni benzina sarà concessa l’esenzione fiscale fino a 200 euro: ciò significa che fino a 200 euro il “fringe benefit” per l’acquisto di carburanti non concorrerà alla formazione del reddito, quindi non saranno tassati per tutto il 2022.

La misura riguarda solamente i dipendenti di aziende private, senza limiti di reddito o altri requisiti. Esclusi dunque partite Iva, autonomi e dipendenti pubblici. Non è prevista la presentazione di alcuna domanda: saranno le singole imprese a garantire, se lo vorranno o se già lo fanno, il benefit ai loro dipendenti che quindi beneficeranno dell’esenzione in dichiarazione dei redditi.

Da oggi e per i prossimi 30 giorni scatta inoltre il taglio delle accise sui carburanti, che si prevede farà abbassare il prezzo al litro di 25 centesimi per benzina, gasolio e GPL. Al fine di evitare speculazioni e aggiramenti della norma, sulle stazioni di servizio si concentrerà l’attenzione della Guardia di Finanza. Il prezzo alla pompa si dovrebbe dunque stabilizzare, almeno temporaneamente, su circa 1,80  euro/litro.

Lo stesso decreto amplia fino alla fine del 2022 l’accesso ai bonus sociali per elettricità e gas, portando la soglia ISEE dagli attuali 8.000 a 12.000 euro.

LEGGI ANCHE:

Contro il caro carburante, il trucco della ciotola d’acqua mentre guidi per risparmiare benzina

Caro carburanti: questi sono i trucchi per risparmiare mentre guidi (inquinando meno)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureato in Comunicazione all'Università di Siena e giornalista dal 1995, ha un'esperienza pluriennale come redattore automotive. Ha lavorato per riviste, TV e testate online specializzate di diffusione nazionale. Su greenMe.it si occupa di mobilità sostenibile e auto ecologiche

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook