Latte di scarafaggio: siete pronti per il superfood del futuro?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scienziati giurano che il sapore sarà simile a quello tradizionale, certo a dirlo fa un po’ strano, ma il latte di scarafaggio, potrebbe diventare il nuovo superfood del futuro perché altamente proteico e facilmente digeribile.

Gli insetti sono finiti a tavola da tempo, ma il latte di scarafaggio è in sperimentazione da qualche anno. I ricercatori di Bengaluru in India, sono convinti che il futuro del superfood sia proprio nelle (forse odiatissime) blatte che come sappiamo sono tra gli insetti più resistenti al mondo.

Insomma, dimenticate le mucche al pascolo perché secondo una ricerca condotta dallo Stem Cell Biology and Regenerative Medicine, lo scarafaggio potrebbe avere effetti inaspettati sul corpo umano.

La specie presa in considerazione è la Diploptera punctata, originaria del Pacifico che a differenza delle altre non deposita le uova, ma partorisce come gli esseri umani. I piccoli vengono nutriti dalla madre attraverso una sostanza liquida formata da grassi, zuccheri e proteine. Il latte di scarafaggio appunto.

È da tempo che gli scarafaggi sono monitorati, ma le analisi dei cristalli di proteine scoperte nel liquido embrionale da una zoologa dell’Università dello Iowa, Barbara Stay, hanno dimostrato come questo latte sia una delle sostanze più nutrienti e con il più alto numero di calorie al mondo.

Già nel 2016, la ricerca pubblicata sul giornale dell’International Union of Crystallography (IUCRJ) aveva mostrato che i cristalli del latte di scarafaggio contengono riserve energetiche tre volte superiori al latte di mucca.

Ma la domanda sorge spontanea: in futuro ci saranno interi capannoni di blatte da mungere? E come, visto che questi scarafaggi non hanno i capezzoli? I ricercatori ipotizzano di isolare il gene di questa proteina e produrla in grandi vasche microbiologiche, sarebbe così una sorta di latte prodotto in laboratorio.

E ancora riuscite a immaginare una pubblicità accattivante per vendere questo latte? Soprattutto perché le blatte, diciamocelo, non sono proprio bellissime da vedere. Quindi per adesso ( e forse per fortuna) non vedremo fattorie di scarafaggi, anche se gli scienziati scommettono che proprio il latte di blatte potrebbe essere la chiave di svolta per la piaga della malnutrizione infantile in alcune zone povere del mondo essendo comunque ricco di proteine, ferro, zinco e calcio.

Cosa ne pensate? Lo mettereste nel vostro carrello?

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook