Birra pesticidi

La birra che tanto amiamo soprattutto in estate è davvero lontana dal rischio di una contaminazione di pesticidi? Da un’indagine del Salvagente non tutte quelle vendute in Italia si salvano. E compare anche il glifosato.

Fresca e dissetante e regina incontrastata dell’estate per chi ama quel grado leggermente alcolico e schiumoso: la birra nei mesi più caldi, ma oramai anche d’inverno, non manca mai. Ma avete mai pensato che, in quanto prodotto con una materia prima vegetale, il malto d’orzo in questo caso, anche la birra è soggetta a una possibile contaminazione di pesticidi?

A mettere nero su bianco, come ricorderete, è il mensile francese 60 Millions de Consommateurs, che ha analizzato decine di bottiglie a caccia di glifosato e di altri pesticidi. E Il Salvagente, la rivista nostrana dedicata ai consumatori, nell’approfondimento di questo mese che trovate in edicola da oggi, ha proposto i risultati relativi a 28 delle 45 birre analizzate dai francesi, selezionandole in base alla reperibilità sugli scaffali di vendita in Italia.

Quel che è emerso è che il glifosato, probabile cancerogeno secondo l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, è presente in 25 campioni tra quelli esaminati, mentre non mancano nemmeno altri antiparassitari come i fungicidi boscalid, ftalimmide e folpet, che sono sì sotto i limiti di legge, ma cosa accade se andiamo a valutare l’ “effetto cocktail”?

L’ascesa della birra

Complici una cultura sempre più ampia del bere e la diffusione di ottime produzioni artigianali di alta qualità, come racconta nel reportage de Il Salvagente la storia del successo di Birradamare, la birra si sta rapidamente affermando come valida alternativa al vino, riducendo di anno in anno la forbice che nelle statistiche la separa dal prodotto dell’uva.

In Italia si bevono in media 33 litri di vino a persona durante l’arco di un anno, mentre la birra – con 31,5 litri consumati per persona – si stabilizza immediatamente al di sotto.

Lo studio francese

La rivista francese ha portato in laboratorio 45 birre, di cui 39 lager e 6 blanche, per ricercare 250 molecole. Le marche sono più che note anche da noi, si va dalla Corona alla Carlsberg, alla Leffe alla Stella Artois.

Ebbene, dalle analisi sono emerse tracce di glifosato in 25 campioni: il pesticida che secondo la Iarc è un probabile cancerogeno si conferma uno dei più utilizzati in agricoltura.

Nel nostro approfondito articolo tutti i dati e le informazioni.

Ma, d’altro canto, non è nemmeno la prima volta che le analisi trovano glifosato nelle birre. Ad aprile gli austriaci di Konsument ne hanno quantificato i residui in 7 campioni su 13. Non c’è solo l’erbicida nelle birre analizzate, ma 3 campioni testati su 4 (34 su 45) mostrano anche residui di antiparassitari, anche se ad essere state rilevate sono “solo” 3 fungicidi (boscalid, ftalimmide e folpet) in quantità al di sotto dei limiti consentiti nella materia prima. Ma come la mettiamo con l’effetto sinergico?

Molti istituti di ricerca hanno nel tempo cercato di porre l’attenzione sul cosiddetto effetto cocktail, ovvero sugli effetti sulla salute dell’uomo derivante dall’esposizione continuata e a basse dosi di più pesticidi insieme. Se, infatti, e l’effetto sulla salute dei singoli pesticidi è ormai assodato, poco o nulla si sa sull’effetto sinergico delle diverse sostanze contemporaneamente presenti in molti alimenti di uso quotidiano.

Il test de Il Salvagente

La rivista ha proposto i risultati di prodotti venduti in Italia e tiene presente solo il numero di pesticidi trovati in ciascun campione e la loro concentrazione.

Tracce di glifosato, al centro di una querelle scientifica dal 2015 quando la Iarc, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Oms, lo ha inserito nella lista delle sostanze “probabilmente cancerogene” (gruppo 2A), sono state evidenziate in 16 birre: le quantità vanno da 0,62 microgrammi della birra 8.6 ai 9,23 microgrammi della birra Affligem. Non esistono valori limite per la birra ma può essere utile sapere che quelli per l’acqua sono pari a 0,1 microgrammi per litro.

Quanto agli altri pesticidi, tra le 247 molecole ricercate, le analisi ne hanno evidenziato con più frequenza tre:
il folpet, il ftalimmide e boscalid. Il primo è un fungicida tossico per gli organismi acquatici e sospetto cancerogeno per l’uomo. Il ftalimmide è un metabolita del folpet frequentemente utilizzato nella colture di orzo. Il boscalid, infine, è
un fungicida della classe del piridin-carbossammidi.

birra 1birra 3birra 5birra 6
cover ilsalvagente

Tutto nella norma, quindi, ma, come dicevamo, il problema rimane quello di un possibile effetto cocktail. Una ricerca dell’Istituto francese per la ricerca agricola ha preso in esame l’azione di un mix di sei pesticidi comunemente presenti nella dieta (thiacloprid, chlorpyrifos, boscalid, captan, thiofanate, ziram) molto usati anche in Italia e presenti nelle nostre falde acquifere. Una miscela che, secondo le analisi, comporterebbe gravi alterazioni metaboliche, in particolare “steatosi epatica, tendenza all’obesità, intolleranza al glucosio con effetto diabetogeno e alterazione del microbiota intestinale”.

Cosa consigliano gli esperti? Non bere troppo e di affidarsi ai prodotti artigianali, magari integrali e non pastorizzati, anche perché, ricordiamocelo, si tratta di una bevanda alcolica!

Germana Carillo

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram