Pericolo Listeria: ritirato vitello tonnato dal Ministero, marca e lotto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Listeria nel vitello tonnato. Il Ministero della salute richiama un lotto perché potrebbe essere contaminato da questo batterio, dannoso per la nostra salute.

Spesso è presente nel terreno, nelle piante e nelle acque ma anche alcuni animali, tra cui bovini, ovini e caprini, possono essere portatori del batterio. Il consumo di cibo contaminato è la principale via di trasmissione per l’uomo.

Il vitello tonnato richiamato è del marchio Gastronomia d’Italia ed è stato prodotto da La Sorgente Srl presso lo stabilimento di Via Aldo Moro, a Pessano con Bornago (MI). È stato commercializzato da Auchan e Simply.

Il richiamo riguarda il lotto 18048 nel formato da 230gr e con le seguenti date di scadenza: 24/11/2018, 26/11/2018.

Come spiega il Ministero, il vitello tonnato potrebbe essere infettato dal batterio della Listeria monocytogenes.

vitello tonnato screem

“Nelle persone infette i sintomi variano, da lievi sintomi simil-influenzali, come nausea, vomito e diarrea, a infezioni più gravi, quali meningite e altre complicanze potenzialmente letali. Le persone più sensibili alle infezioni da Listeria sono gli anziani, le donne in gravidanza, i neonati e le persone con deficit del sistema immunitario” spiega l’Efsa, l’Aurorità europea per la sicurezza alimentare.

Se di recente avete acquistato questo prodotto, non consumatelo ma riportatelo presso il punto vendita per ottenere il rimborso.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook