Insetticida Metomil nell’uva destinata all’Italia: allarme dell’Ue

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Metomil, un altro veleno rischia di finire sulle nostre tavole. Il Rasff, il sistema di allerta rapido europeo della Commissione Europea, ha lanciato un nuovo allarme. Questa sostanza è stata rilevata nell’uva proveniente dal Perù, pronta per essere immessa nel mercato italiano.

Su segnalazione del Ministero della salute, il Rasff ha notificato l’allerta che ha portato al ritiro della frutta dalle vendite, a scopo cautelativo. Potrebbe contenere il Metomil, un pesticida pericoloso per la nostra salute.

A dirlo è stato la Environmnental Protection Agency (EPA), seconco cui è estremamente tossico se ingerito e moderatamente tossico se inalato. Si tratta di un inibitore della colinesterasi negli esseri umani ad alte dosi. Ciò significa che può sovrastimolare il sistema nervoso con conseguente nausea, vertigini, confusione e ad esposizioni molto elevate (ad es. incidenti o sversamenti maggiori), paralisi respiratoria e morte.

“Per minimizzare gli impatti sulla salute, l’EPA ha classificato i prodotti metomilici utilizzati in contesti agricoli come uso limitato, il che significa che possono essere utilizzati solo o sotto la diretta supervisione di applicatori appositamente formati e certificatisi legge sul sito ufficiale.

Si tratta di un insetticida ad ampio spettro che viene usato per uccidere i parassiti, una sostanza altamente tossica per l’uomo, il bestiame, gli animali domestici e la fauna selvatica. Per questo, l’UE e il Regno Unito hanno imposto un limite di residui di pesticidi di 0,02 mg/kg per mele e arance.

I prodotti contenenti l’1% di metomil sono disponibili al pubblico per la vendita al dettaglio, ma le formulazioni più potenti sono classificate come pesticidi ad uso limitato.

Dal 2015, sta cercando di fare luce non solo sul prodotto ma anche sulla sua etichettatura, in modo da chiarire gli usi approvati in agricoltura.

uva peru

Al momento non sono stati resi noti i lotti di uva contaminati e non si sa se siano già stati immessi sul mercato italiano, al quale erano destinati.

Vi terremo aggiornati qualora ci fossero altre novità.

Il nostro consiglio è sempre quello di preferire frutta di stagione, meglio se autoprodotta, prodotta localmente o acquistata dal contadino di fiducia.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook