Le verdure surgelate sono nutrienti quanto quelle fresche?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Probabilmente è una domanda che ci siamo posti più volte: oltre che comode, le verdure surgelate sono anche sane? Mantengono tutti i nutrienti delle verdure fresche? Proviamo a rispondere con quanto scoperto da alcune ricerche scientifiche.

Le verdure surgelate sono spesso considerate un’alternativa conveniente alle verdure fresche, non solo in quanto a praticità nell’uso ma anche al prezzo spesso economico (a volte più del fresco), alla durata di conservazione lunga e al fatto che possono essere acquistate tutto l’anno, consentendoci di mangiare la nostra verdura preferita anche fuori stagione. (LEGGI anche: Surgelati: comodi ma anche sani e nutrienti?)

Il dubbio su questi prodotti sorge però in merito al loro valore nutrizionale. Alcuni studi ci forniscono degli spunti interessanti riguardo al contenuto di vitamine, sali minerali e antiossidanti presenti nelle verdure surgelate rispetto alle varianti fresche.

Valori nutrizionali delle verdure surgelate

Dato che le verdure vengono solitamente congelate subito dopo la raccolta, generalmente riescono a conservare la maggior parte dei loro nutrienti. In effetti, uno studio italiano di qualche anno fa ha dimostrato che sbollentare e poi congelare le verdure per un tempo massimo di 2 mesi non ha alterato in modo significativo il loro contenuto fitochimico.

Tuttavia, altre ricerche dimostrano che il congelamento può influire in modo diverso sul valore nutritivo di alcune verdure e di determinati nutrienti. Quindi il discorso può cambiare, e molto, da verdura a verdura.

Una ricerca del 2015 ha mostrato ad esempio come i broccoli congelati fossero più ricchi in riboflavina, rispetto ai broccoli freschi, mentre i piselli congelati erano al contrario più poveri di questa vitamina. Analizzando piselli, carote e spinaci congelati, la stessa ricerca ha notato poi come questi ortaggi fossero più bassi in beta carotene mentre non è stata osservata alcuna differenza significativa tra fagiolini e spinaci congelati e freschi.

Un altro studio ha evidenziato invece che il cavolo congelato e crudo contiene una quantità maggiore di antiossidanti rispetto al cavolo fresco, suggerendo che il congelamento può persino aumentare il contenuto di antiossidanti di alcune verdure.

D’altra parte, i trattamenti a cui sono sottoposte le verdure surgelate possono portare a riduzioni significative dei nutrienti sensibili al calore, tra cui vitamina C e tiamina.

Secondo un report pubblicato dal Journal of the Science of Food and Agriculture, il contenuto di vitamina C di alcune verdure potrebbe diminuire dal 10 fino all’80% durante il processo di sbollentamento e congelamento, con una perdita media di nutrienti di circa il 50%.

Ovviamente anche altri metodi di cottura, come l’ebollizione, la frittura in padella e il microonde, possono portare a perdite di nutrienti, anche nel caso si parta da verdure fresche.

Attenzione alle etichette

Se scegliamo di acquistare verdure surgelate dobbiamo fare attenzione a leggere bene l’etichetta, evitando prodotti che eventualmente contengano additivi o conservanti. La maggior parte ne è priva ma alcuni possono contenere zucchero o sale aggiunti, cose importanti di cui tenere conto.

Alcune verdure surgelate possono poi essere abbinate a salse o miscele di condimenti, in questo caso aumenterà la quantità di sodio, grassi o calorie nel prodotto finale (altra cosa da tenere bene in considerazione).

Vi consigliamo di scegliere come sempre il più possibile verdure fresche e di stagione, da acquistare presso il vostro mercato di fiducia (e meglio se biologiche). Per comodità possiamo anche utilizzare verdure surgelate, ruotando tra le varie tipologie per assicurarci comunque tutti i nutrienti.

Se acquistare le verdure surgelate è l’unico modo per farvi mangiare gli ortaggi, magari per questioni di praticità o tempo, ben venga.

Fonti: Food Research International/ International Journal of Food Properties/ Journal of Agricultural and Food Chemistry/ Journal of the Science of Food and Agriculture

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook