Blocca la fame agendo sul cervello: questo farmaco può davvero contrastare l’obesità?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alimentazione sana ed esercizio fisico costante sono senza dubbio le armi le migliori per sconfiggere il peso in eccesso, ma delle volte potrebbero non bastare. Quei chili di troppo possono tramutarsi in obesità e, volenti o nolenti, ciò significherebbe un organismo decisamente compromesso. Possibile contrastare tutto questo con un farmaco? Sui medicianali siamo scettici, perché hanno pur sempre effetti collaterali, ma questo studio apre una pista per i casi più complicati.

Oltre al serio impegno verso cambiamenti duraturi nel proprio stile di vita, ci sono di fatto altre due potenziali opzioni che possono aiutare: la chirurgia bariatrica e i farmaci dimagranti. Il primo è invasivo e comporta vari rischi e complicazioni, mentre per quanto riguarda i farmaci, non sempre funzionano e possono anch’essi avere esiti negativi.

Leggi anche: Contro l’obesità è più efficace la tassa sulle merendine rispetto a quella sulle bibite, lo studio nel Regno Unito

Tuttavia, un trattamento sperimentale posto in essere da alcuni scienziati e dettagliato in uno studio pubblicato recentemente, potrebbe aprire nuove porte per il trattamento dei pazienti obesi.

Lo studio

Nello studio, che ha coinvolto quasi 2mila adulti obesi in 16 paesi diversi, i partecipanti hanno assunto una dose settimanale di un farmaco chiamato semaglutide, già utilizzato nel trattamento del diabete di tipo 2. Mentre un gruppo di controllo ha preso solo un placebo. Entrambi i gruppi hanno poi seguito un corso di intervento sullo stile di vita progettato per promuovere la perdita di peso.

Alla fine della sperimentazione, i partecipanti che hanno assunto il placebo hanno perso una piccola e clinicamente insignificante quantità di peso. Ma per coloro che hanno preso semaglutide, gli effetti sono stati importanti.

Dopo 68 settimane di trattamento con il farmaco – che sopprime l’appetito a causa di una varietà di effetti sul cervello – i partecipanti che assumevano semaglutide hanno infatti perso in media il 14,9% del loro peso corporeo. E oltre il 30% del gruppo ha perso più del % del proprio peso corporeo.

In generale, questo rende il farmaco fino a due volte più efficace dei farmaci esistenti per la perdita di peso, dicono i ricercatori, avvicinandosi al tipo di efficacia degli interventi chirurgici.

Nessun altro farmaco si è avvicinato a produrre questo livello di perdita di peso: questo è davvero un punto di svolta”, afferma la ricercatrice sull’obesità Rachel Batterham dell’University College di Londra. Per la prima volta, le persone possono ottenere attraverso i farmaci ciò che era possibile solo attraverso la chirurgia per la perdita di peso”.

Oltre a perdere peso, i partecipanti hanno registrato anche riduzioni di vari fattori di rischio cardiometabolico e segnalato miglioramenti nella qualità della vita. Sebbene i risultati siano convincenti, il dosaggio di semaglutide per gli effetti anti-obesità presenta alcuni inconvenienti, come nausea e diarrea.

Anche se farmaci come questo possono rivelarsi utili a breve termine per ottenere una rapida perdita di peso nell’obesità grave, non sono una bacchetta magica per prevenire o trattare i gradi meno gravi di obesità – afferma il nutrizionista Tom Sanders, professore emerito al King’s College di Londra, che non è stato coinvolto nello studio. Sono ancora necessarie misure di salute pubblica che incoraggino i cambiamenti comportamentali come l’attività fisica regolare e la moderazione dell’assunzione di energia nella dieta”.

E siamo d’accordo: quel che è assolutamente necessario è non vedere in un farmaco l’unica soluzione al problema dell’obesità. E quello che rimane di estremamente è utile è un radicale cambio di rotta nelle abitudini alimentari e nello stile di vita, ovviamente coadiuvato da un esperto che segui passo passo tutto il percorso.

Fonti: University College London / NEJM

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook