Bevande zuccherate: ne bastano due a settimana per aumentare il rischio di diabete, ictus e malattie cardiache

Le bevande zuccherate di qualsiasi genere che siano gassate, succhi di frutta o altro non sono certo alleate della nostra salute. Ora un nuovo studio mette in relazione queste bibite all’aumentato rischio di ammalarsi di diabete tipo 2, malattie cardiache e ictus. E non servirebbero neppure dosi troppo alte, secondo gli esperti due a settimana sono già troppe!

È stato appurato da diverse ricerche che alti livelli di zuccheri non solo contribuiscono al rischio sovrappeso e obesità ma aumentano anche le probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 e la sindrome metabolica, una serie di condizioni che aumentano il rischio di malattie cardiache.

Il nuovo studio in proposito è stato condotto da un team guidato da Faadiel Essop, dell’Universita’ di Stellenbosch in Sud Africa, che ha effettuato una revisione di 36 studi epidemiologici compiuti nei 10 anni precedenti. I risultati ottenuti dall’indagine sono stati pubblicati sul Journal of the Endocrine Society.

Gli esperti hanno trovato ulteriori prove del legame tra consumo di bevande zuccherate e aumento di parametri come pressione sanguigna, trigliceridi, glicemia, grasso addominale e altro. Tutti fattori di rischio per la comparsa di problemi cardiovascolari oltre che per il diabete di tipo 2.

La situazione preoccupa soprattutto in quanto il consumo di queste bevande è frequente in grandi e piccini ed è in costante crescita un po’ in tutto il mondo. Il problema riguarda anche i succhi di frutta in quanto, come ha sottolineato Essop, un conto è mangiare una mela e un conto è bere il succo:

Quando si mangia una mela, oltre allo zucchero, ci sono un sacco di fibre e la sazietà si raggiunge meglio. Ma quando bevi un bicchiere di succo di mele stai ottenendo zucchero da tre o quattro mele e nessuna fibra. Questa è una dose molto più concentrata di zucchero che avrà ripercussioni sui livelli nel sangue

Non è chiaro esattamente come queste bevande aumentino la probabilità della sindrome metabolica ma quello che si è visto è il risultato: due o più bevande zuccherate a settimana possono aumentare la circonferenza della vita, il peso, la pressione sanguigna, l’infiammazione all’interno del corpo e ridurre il colesterolo buono.

Vi è poi la questione della sensibilità all’insulina: lo studio ha evidenziato che gli individui che consumano bevande zuccherine per 10 settimane mostrano una diminuzione del 17% della sensibilità all’insulina.

Il professor Essop ha concluso che, visiti i risultati, vi è una chiara necessità di educare la popolazione agli effetti nocivi dell’eccesso di consumo di bevande zuccherate.

Sugli effetti sulla salute delle bevande zuccherate potrebbe interessarvi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook