Tracce di pesticidi e micotossine negli spaghetti venduti alla Lidl, non darli assolutamente ai bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tra la pasta peggiore che non ottiene la sufficienza nell'ultimo test del Salvagente vi sono gli spaghetti Combino Lidl, penalizzati per la presenza di tracce di pesticidi ma soprattutto di Don, a norma di legge ma a livelli troppo alti per i bambini

Il nuovo test del Salvagente sugli spaghetti mette in luce una situazione in miglioramento rispetto al passato. A differenza della precedente indagine di due anni fa, infatti, tutta la pasta analizzata (20 marche in totale) è risultata priva di tracce di glifosato, erbicida controverso.

Leggi anche: Spaghetti, svelati i nuovi marchi con tracce di glifosato. La LISTA dei peggiori e dei migliori

Alcuni campioni di pasta, però, ancora contengono piccole tracce di pesticidi ma anche micotossine e furosina, contaminante che si libera quando gli spaghetti vengono fatti essiccare ad alte temperature.

La gran parte dei campioni di pasta sono risultati buoni o comunque hanno strappato la sufficienza. Solo 3 marche invece hanno ottenuto come punteggio 5, dunque di fatto sono le peggiori del test e sconsigliate.

Tra queste vi sono gli spaghetti Combino venduti da Lidl.

Cosa contengono gli spaghetti Combino Lidl

Queste le specifiche del prodotto Combino Lidl riportate dal Salvagente:

• Prezzo (euro/kg): 1,25
• Origine grano: Ue e non Ue
• Glifosato: Assente
• Altri pesticidi (mg/kg): Piperonyl butoxide 0,031
• Don (mcg/kg): 291
• Furosina (mg/100 g):Eccellente
• Prova organolettica:Media

Gli spaghetti Combino di Lidl sono stati penalizzati per la presenza di tracce di un pesticida (il Piperonyl butoxide) ma soprattutto per il Don che, nonostante sia ben al di sotto dei limiti di legge per gli adulti, supera invece quello per i bambini che è di 200 mcg/kg.

Meglio non darli ai bambini

Come specifica Il Salvagente:

Non parliamo ovviamente di irregolarità ma di una pasta che è meglio non condividere con i più piccoli.

Non c’è dunque nulla di illegale, si tratta infatti di una pasta non specificatamente pensata per l’alimentazione dei bambini.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Il Salvagente

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook